E’ con orgoglio e soddisfazione che Massimiliano Capella, direttore dei Musei Mazzucchelli, in collaborazione con il Comune di Mazzano, presenta la nuova edizione di Museo Amico, la pubblicazione, edita da Vannini, che da qualche anno l’Ufficio Scolastico

I Musei Mazzucchelli al centro dell’edizione 2007 di ‘Museo Amico’

14/11/2007 in Attualità
A Affi
Di Luca Delpozzo

Gra­zie alla col­lab­o­razione tra Angela Bersot­ti, respon­s­abile del­la sezione didat­ti­ca dei , Elisa Zam­bonin e Mari­na Bra­ga con­ser­va­tri­ci del polo muse­ale, gli inseg­nan­ti delle diverse realtà sco­las­tiche dis­lo­cate nel ter­ri­to­rio di Bres­cia e Provin­cia e soprat­tut­to il prezioso con­trib­u­to di Patrizia Capo­fer­ri, ref­er­ente per l’Area Didat­ti­ca e la For­mazione del C.S.A. di Bres­cia, è sta­to pos­si­bile real­iz­zare con scuole di ogni genere e fas­cia – dall’infanzia agli isti­tu­ti supe­ri­ori — una serie di lab­o­ra­tori didat­ti­ci e per­cor­si for­ma­tivi che inten­dono rispon­dere allo spir­i­to orig­i­nario dell’iniziativa: avvic­inare gli stu­den­ti al pat­ri­mo­nio cul­tur­ale che li cir­con­da, coin­vol­gen­doli atti­va­mente nel­la sua valorizzazione.Un prog­et­to che, mai come quest’anno, ha trova­to diver­si e moltepli­ci spun­ti d’ispirazione gra­zie all’intensa attiv­ità dei Musei, con l’allestimento di mostre quali Il e l’Arte — Abiti di luce (15 dicem­bre 2006 – 9 aprile 2007), Il teatro degli artisti. 300 opere da Picas­so a Calder, da De Chiri­co a Gut­tuso (5 mag­gio – 28 otto­bre 2007), Mat­ri­mo­nio di Moda, anco­ra in cor­so; l’ideazione di fes­ti­val quali il Fes­ti­val delle Rose (25, 26, 27 mag­gio 2007), Opera Fes­ti­val (luglio-otto­bre 2007); il Fes­ti­val del Vino Bres­ciano (6,7,8 otto­bre 2007); l’inaugurazione di nuovi spazi espos­i­tivi quali la Sala dis­eg­ni inci­sioni e stampe all’interno del Museo del Vino e del Cavat­ap­pi e due gal­lerie per le mostre tem­po­ra­nee; oltre alla con­sue­ta attiv­ità di stu­dio, con­ser­vazione, ricer­ca che vede impeg­nate le tre realtà muse­ali ospi­tate dal­la Fon­dazione Gia­co­mi­ni Meo Fiorot: Il Museo del­la Moda e del Cos­tume, il Museo del Vino e del Cavat­ap­pi e la Casa Museo Giammaria Mazzucchelli.Una realtà in con­tin­ua cresci­ta, in lin­ea con il pen­siero dei pro­pri fonda­tori: Piero Gia­co­mi­ni (Conegliano Vene­to, 1935), indus­tri­ale biochim­i­co, e Fran­ca Meo (Tre­vi­so, 1939 — Bres­cia, 1999), poet­es­sa e scrit­trice; a cui si sono aggiun­ti nel 2006 i lasc­i­ti di Dino Fiorot (Tre­vi­so, 1919), pro­fes­sore emer­i­to di Filosofia Polit­i­ca dell’ di Pado­va, e di Car­men Meo (Tre­vi­so, 1925), psi­cope­d­a­goga e scrit­trice, esper­ta in cre­ativ­ità infan­tile. Il prossi­mo 22 novem­bre ver­rà inau­gu­ra­to un nuo­vo spazio espos­i­ti­vo per­ma­nente: la Pina­cote­ca Giuseppe Alessan­dra. Una selezione di 50 opere – dip­in­ti, scul­ture e dis­eg­ni – dal­la collezione dell’architetto tre­vi­giano, data­bili a par­tire dal XIII sec­o­lo e ricon­ducibili ad alcu­ni dei più impor­tan­ti pit­tori rinasci­men­tali di area lom­bar­do-vene­ta; tra questi, spic­cano i nomi di Vit­tore Carpac­cio, Paris Bor­don, Tin­toret­to e Tiziano, accan­to ad altri illus­tri maestri del­la pit­tura inter­nazionale del XVI e XVII sec­o­lo, come Van Dyck e Zurbaran.Come momen­to esem­pli­fica­ti­vo del prog­et­to, l’incontro si con­clud­erà con una sfi­la­ta degli abiti real­iz­za­ti dall’Istituto Pro­fes­sion­ale per l’In­dus­tria e l’Ar­ti­giana­to “Mar­i­ano For­tuny” di Bres­cia in occa­sione del­la mostra Rus­sia 1900–1940. Sug­ges­tioni, Abiti e Cos­tu­mi. La moda nel­la riv­o­luzione artis­ti­co-cul­tur­ale, inau­gu­ra­ta ai Musei lo scor­so 8 giug­no.