Le delibere del loro Consiglio al sindaco

I ragazzi dettano le loro priorità

Di Luca Delpozzo
Sergio Zanca

Il tem­po di inse­di­are il sin­da­co dei ragazzi (nel salone «Celesti» di Palaz­zo Bena­mati, a Toscolano Mader­no), con tan­to di fas­cia tri­col­ore, e i nuovi con­siglieri han­no com­in­ci­a­to a dis­cutere e delib­er­are. Fil­ip­po Can­toni, con tan­to di fas­cia tri­col­ore, e Vale­rio Vet­ere, pres­i­dente del­l’assem­blea, dirigono il…traffico. Pri­mo pun­to all’or­dine del giorno: manuten­zione strade. Sil­via seg­nala la neces­sità di sis­temare alcu­ni trat­ti del cen­tro stori­co, in par­ti­co­lare i vicoli che pre­sen­tano man­to diss­es­ta­to e scarsa pulizia. Deb­o­ra pro­pone di riva­l­utare gli affres­chi e le opere di pre­gio, esem­pio la , allo scopo di val­oriz­zare il pat­ri­mo­nio stori­co-cul­tur­ale. Sug­gerisce di effet­tuare, al propos­i­to, un’adegua­ta pro­mozione pub­blic­i­taria. E di incre­mentare le , anche con per­cor­si nelle frazioni col­li­nari. Fed­er­i­ca invi­ta ad abolire la cop­pa del­l’Oltran­za di moto­nau­ti­ca, poichè in con­trasto col rispet­to del­l’am­bi­ente e del lago. Alla fine la mozione riguardante le strade pas­sa all’u­na­nim­ità, con 15 sì su 17 votan­ti, come quel­la sul restau­ro degli affres­chi e il ripristi­no degli scavi nel­la vil­la romana. Sul­l’ab­o­lizione del­la cop­pa del­l’Oltran­za invece non c’è sta­ta una­nim­ità, a dimostrazione che i boli­di sul­l’ac­qua man­ten­gono un loro fas­ci­no. Sec­on­do pun­to: intrat­ten­i­men­to e ritro­vo per i gio­vani. Ilda invi­ta a real­iz­zare un cen­tro per ragazzi, allo scopo di favorire la piena social­iz­zazione, nonchè a pre­venire e affrontare antic­i­pata­mente i prob­le­mi e le cause del dis­a­gio. Chiede altresì di orga­niz­zare dibat­ti­ti e inizia­tive mul­ti-cul­tur­ali. Wal­ter sol­lecita l’al­lunga­men­to degli orari di aper­tu­ra del­la . Mozione approva­ta. Ter­zo argo­men­to: parchi pub­bli­ci e cen­tri sportivi. Daniele chiede di real­iz­zare un’area polisporti­va, sen­za dover ricor­rere a strut­ture dei pae­si vici­ni. Nico­la spie­ga che il par­co «Penne nere», fre­quen­ta­to dagli anziani, dovrebbe avere giochi per i bam­bi­ni. Fab­rizio effet­tua un’at­ten­ta anal­isi del­la situ­azione degli impianti: nel­lo sta­dio di cal­cio, inti­to­la­to a Ugo Locatel­li (vinci­tore delle Olimpia­di a Berli­no nel ’36 e cam­pi­one del mon­do in Fran­cia nel ’38), c’è bisog­no di manuten­zione del man­to erboso, e di un campet­to per gli allena­men­ti; per il ten­nis, in viale Fos­co­lo, indis­pens­abile una mag­giore cura, per favorire l’af­flus­so di tur­isti durante la sta­gione tur­is­ti­ca. Occor­rerebbe un anel­lo per l’atlet­i­ca leg­gera e gli sport alter­na­tivi. C’è poi chi vor­rebbe un palazzet­to (per bas­ket e vol­ley), una pisci­na e un per­cor­so-vita nel­la . Sara indi­vid­ua, come area ide­ale, la zona degli ex Cantieri del Gar­da. Mar­co pro­pone di spostare l’iso­la eco­log­i­ca fuori dal­l’abi­ta­to e di ripristinare il vec­chio sta­dio degli Ulivi, di pro­pri­età del­la Cartiera, che intende trasfor­mar­lo in un parcheg­gio per i camion. La mozione ottiene l’en plein: 17 su 17. Le delibere, sti­late da un’imp­ie­ga­ta del comune, Vit­to­ria Goi, ver­ran­no sot­to­poste all’at­ten­zione del sin­da­co vero, Pao­lo Elena.