Il Catullo premia la Tv Licia Colò, Alessandro Cecchi Paone e Donatella Bianchi

I tre finalisti sono conduttori di trasmissioni giornalistiche

04/07/2000 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Ennio Moruzzi

Licia Colò, con­dut­trice del­la trasmis­sione Gheo & Gheo su RaiTre, Alessan­dro Cec­chi Paone per la Macchi­na del tem­po di Rete 4, Donatel­la Bianchi e Mario Cobelli­ni per Lin­ea Blu di Rai 1 sono i final­isti del­la 19ª edi­zione del pre­mio Sirmione-Cat­ul­lo. Lo ha deciso la giuria riu­ni­tasi ieri mat­ti­na pre­siedu­ta da Bruno Ves­pa e for­ma­ta dai diret­tori dei quo­tid­i­ani che ven­gono pub­bli­cati nel­la Regione Garde­sana e cioè Mino Allione per l’Arena, Mau­r­izio Cat­ta­neo per Bres­ciaOg­gi, Gian Bat­tista Lan­zani per Il Gior­nale di Bres­cia, Bruno Man­fel­loto per la Gazzetta di Man­to­va. La selezione per la sezione del pre­mio ris­er­va­to alla tele­vi­sione ha spie­ga­to Bruno Ves­pa (che ha anche pre­cisato vis­to il suo ruo­lo di non aver espres­so un voto) ha reg­is­tra­to una vivace dis­cus­sione. Alla fine è sta­to deciso di puntare su trasmis­sioni di carat­tere ambi­en­tal­is­ti­co e tur­is­ti­co che sol­let­i­cano gli spet­ta­tori a guardare con atten­zione le cose più belle del nos­tro paese. La scelta pare azzec­ca­ta per­ché le tre trasmis­sioni tele­vi­sive selezion­ate sono molto segui­te e offrono spun­ti inter­es­san­ti gra­zie anche all’abilità dei loro con­dut­tori. Ora la paro­la pas­sa ai cen­to giu­rati popo­lari tut­ti sirmione­si scelti dall’Amministrazione comu­nale ai quali toc­cherà il com­pi­to di indi­vid­uare fra i tre can­di­dati quel­lo quel­lo meritev­ole di vin­cere la 19ª edi­zione del pre­mio nel­la nuo­va e rin­no­va­ta ver­sione gior­nal­is­ti­ca. Infat­ti, come ha spie­ga­to il sin­da­co Mau­r­izio Fer­rari, nel pre­sentare il pre­mio nel cor­tile del Castel­lo Scaligero il Sirmione-Cat­ul­lo è pas­sato dai lib­ri all’informazione non cer­to per­ché Sirmione non ami gli scrit­tori, i lib­ri e l’editoria quan­to per­ché si ren­de­va nec­es­sario un rilan­cio in chi­ave nazionale ed inter­nazionale del­la man­i­fes­tazione che è sta­ta oggi spon­soriz­za­ta dal­la Ban­ca Dei Col­li Moreni­ci del Gar­da. Nes­suna scelta invece anco­ra ha effet­tua­to la giuria del­la sec­on­da sezione del pre­mio quel­la di carat­tere inter­nazionale ris­er­va­ta dai gior­nali stranieri. Anche qui Bruno Ves­pa ha spie­ga­to il lavoro del­la giuria che è for­ma­to dai cor­rispon­den­ti europei del­la Rai cioè Car­men La Sorel­la (Berli­no), Anto­nio Caprari (Lon­dra), Anto­nio Fore­si (Brux­elles) e Cor­radi­no Mineo (Pari­gi). «Non abbi­amo pre­so alcu­na deci­sione ha spie­ga­to il pres­i­dente, ma abbi­amo val­u­ta­to una vas­ta selezione di servizi ed arti­coli ded­i­cati all’Italia dal­la stam­pa euro­pea. E non sono man­cate vi assi­curo le sor­p­rese in neg­a­ti­vo ma anche e soprat­tut­to in pos­i­ti­vo. Sem­bra di capire ha antic­i­pa­to Bruno Ves­pa che l’Italia sia molto ama­ta e che esis­tano prospet­tive di svilup­po ines­plo­rate sul fronte del tur­is­mo di qual­ità». La giuria tornerà a riu­nir­si pri­ma di decidere. Questo pre­mio inter­nazionale ha lo scopo di pre­mi­are il gior­nal­ista o la tes­ta­ta straniera che abbiano pub­bli­ca­to dossiers o arti­coli di grande inter­esse cul­tur­ale, artis­ti­co-ambi­en­tale sul nos­tro paese con­tribuen­do in tal modo ad esaltarne l’immagine. La cer­i­mo­nia con­clu­si­va del pre­mio è in pro­gram­ma il 30 settembre.