Polizia, da municipale a locale Giorgetti spiega come si cambia

Incontro tra l’assessore e i vigili di trenta Comuni

14/10/2005 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Alvaro Joppi

Momen­to di tran­sizione per la polizia munic­i­pale che, come pre­vis­to dal­la Regione, ver­rà rimpiaz­za­ta quan­to pri­ma dal­la . Il pas­sag­gio isti­tuzionale prevede inno­vazioni sia in mer­i­to agli stru­men­ti oper­a­tivi che per le uni­for­mi e la ger­ar­chia: prob­le­mi che pre­oc­cu­pano gli inter­es­sati. Da qui l’incontro con l’assessore regionale Mas­si­mo Gior­get­ti; l’appuntamento è sta­to pro­mosso dagli asses­sori comu­nali Erman­no Azzoli­ni e Francesco Mar­chiori. All’invito diram­a­to dal coman­dante del­la polizia munic­i­pale Fer­di­nan­do Pez­zo han­no rispos­to molti col­leghi, in rap­p­re­sen­tan­za delle polizie munic­i­pali di una trenti­na di comu­ni scaligeri, con in pri­ma fila Lui­gi Alta­mu­ra, coman­dante di Verona. Premet­ten­do che dovere del­la Regione è quel­lo di avere idee chiare sul ruo­lo e fun­zioni del­la polizia locale, Gior­get­ti det­to: «Il cor­po regionale è impor­tante per la sicurez­za e l’ordine pub­bli­co, a inte­grazione delle forze dell’ordine». Dialo­gan­do con i rap­p­re­sen­tan­ti dei vari Comu­ni, Mas­si­mo Gior­get­ti ha mes­so a fuo­co il ruo­lo del­la Regione in prospet­ti­va delle nuove dis­po­sizioni. In par­ti­co­lare, ha evi­den­zi­a­to la neces­sità di lavo­rare per ambiti ter­ri­to­ri­ali pun­tan­do ad atti­vare una piani­fi­cazione per gli inves­ti­men­ti sul ter­ri­to­rio. «È nec­es­sario orga­niz­zarsi per aree omo­ge­nee e avere una visione più com­ple­ta dei bisog­ni». Sof­fer­man­dosi sui prob­le­mi legati al ter­ri­to­rio, l’assessore regionale alla Sicurez­za ha det­to: «Ser­vono capac­ità oper­a­ti­va e soluzioni con­crete, i finanzi­a­men­ti region­ali saran­no in fun­zione di prog­et­ti allargati e inter­es­san­ti a più realtà comu­nali». La pre­sen­za a dell’assessore regionale è sta­ta anche occa­sione per un incon­tro con i rap­p­re­sen­tan­ti delle asso­ci­azioni sportive e dei , che ha avu­to lo scopo di pro­gram­mare un ordine di pri­or­ità negli inter­ven­ti per gli impianti sportivi e negli aiu­ti con­creti per le attiv­ità di volontariato.

Parole chiave: