La frana è domata: a giugno si transita

22/05/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo

L’ul­ti­mo numero del notiziario del­la por­ta una splen­di­da del­la frana a sud di Limone. La ripresa dal­l’eli­cot­tero con­sente di apprez­zarne tut­to lo svilup­po: i cen­to e rot­ti metri di smot­ta­men­to, la stra­da strap­pa­ta via, il detri­ti fino al Gar­da. Da mesi sul­la frana si pas­sa a sen­so uni­co alter­na­to. Il ripristi­no è alla sec­on­da fase. Dap­pri­ma gli operai han­no rimosso tut­to il mate­ri­ale insta­bile, ter­ric­cio e sas­si, fino alla roc­cia sol­i­da. Poi sul­la frana sono state posizion­ate reti di pro­tezione: tre, a diver­si liv­el­li, trasver­sali, con fun­zione di para­mas­si; un’al­tra dis­te­sa a con­tat­to sul­la roc­cia per con­tenere even­tu­ali pic­coli smot­ta­men­ti. Adesso stan­no piantan­do decine di micropali per rifare il fon­do del­la sede stradale. Seguiran­no muro di con­teni­men­to a stra­pi­om­bo sul lago, mas­s­ic­cia­ta e asfal­to. Per giug­no dovreb­bero aver fini­to, ma il sin­da­co Mar­tinel­li dubi­ta che l’im­peg­no pos­sa essere rispettato