Partirà solo a fine ottobre per problemi legali e ricorsi al Tar contro la ditta vincitrice dell'appalto

La mensa scolastica è in ritardo

Di Luca Delpozzo
Elia Botturi

Inizierà a fun­zionare a fine otto­bre la nuo­va cuci­na per le mense sco­las­tiche cas­tiglione­si. Lo annun­cia l’asses­sore all’Istruzione, Giuseppe Bertoli, che spie­ga i motivi del ritar­do del­la parten­za del servizio. «Il prob­le­ma è lega­to a ques­tioni legali — pre­cisa — La dit­ta vincitrice del­l’ap­pal­to ave­va prodot­to un’au­to­cer­ti­fi­cazione non ver­i­tiera, quin­di la gara è sta­ta asseg­na­ta alla sec­on­da. Poi si sono susse­gui­ti ricor­si al Tar e al Con­siglio di Sta­to, fino alla deci­sione di affi­dare il servizio all’im­pre­sa inizial­mente piaz­zatasi al sec­on­do pos­to in graduatoria».Una vicen­da com­p­lessa, che ora però sem­bra risolta.L’azienda che cucin­erà i pasti e dis­tribuirà le vivande a tut­ti gli isti­tu­ti sco­las­ti­ci cas­tiglione­si, ha ses­san­ta giorni di tem­po per instal­lare le attrez­za­ture nel­la sede del­la zona industriale.Così, essendo sta­to asseg­na­to l’ap­pal­to all’inizio di set­tem­bre, il tut­to sarà pron­to entro la fine del prossi­mo mese. In atte­sa del pieno fun­zion­a­men­to del nuo­vo cen­tro di pro­duzione pasti da 1 mil­iar­do, la cuci­na res­ta nel­la sede del­la scuo­la ele­mentare ‘Cesare Bat­tisti’, in viale Maifreni. «Com­pren­do le dif­fi­coltà del lavoro nel­la vec­chia strut­tura — com­men­ta l’asses­sore -, ma si trat­ta di un rin­vio non volu­to cer­ta­mente dal­l’am­min­is­trazione comu­nale. Abbi­amo pre­dis­pos­to una gara euro­pea quin­quen­nale da 5 mil­iar­di, e una strut­tura all’a­van­guardia non solo in ambito provin­ciale, che pro­dur­rà vivande di grande qual­ità, così come il servizio di distribuzione».«Naturalmente avrem­mo prefer­i­to che il tut­to iniziasse con l’avvio del­l’an­no sco­las­ti­co — chiarisce Bertoli — e in effet­ti a fine mag­gio sarem­mo sta­ti pron­ti per indi­vid­uare la dit­ta. Però le ques­tioni legali han­no ral­len­ta­to le pro­ce­dure, costrin­gen­do­ci a riman­dare a dopo l’es­tate». Servizio atti­vo nel­la nuo­va sede da fine otto­bre, quin­di, e suc­ces­si­va inau­gu­razione del cen­tro di pro­duzione pasti mes­so in cantiere all’inizio del­la leg­is­latu­ra. Altro taglio del nas­tro in pre­vi­sione fra non molto alla scuo­la mater­na sor­ta in zona San Pietro. I bam­bi­ni stan­no già fre­quen­tan­do il nuo­vo edi­fi­cio, ma man­cano alcu­ni lavori di sis­temazione ester­na, con­clusi i quali si pro­ced­erà all’in­au­gu­razione uffi­ciale del plesso sco­las­ti­co per l’infanzia.