Collegherà località Rovizza con l’area del casello, costo circa 20 milioni di euro, lavori finiti per febbraio 2008.
Galan firma. Chincarini: «Bravo e veloce»

La tangenziale sarà completata

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

Il pres­i­dente del­la Regione Vene­to ha siglato, con pro­prio decre­to, l’accordo di pro­gram­ma rel­a­ti­vo al cosid­det­to pri­mo stral­cio del­la vari­ante alla regionale (ex statale) 11 denom­i­na­to «Com­ple­ta­men­to del­la tan­gen­ziale di Peschiera». La fir­ma di Gian­car­lo Galan di fat­to dà a Vene­to Strade il via lib­era per pro­cedere all’appalto inte­gra­to per l’aggiudicazione dei lavori che, sec­on­do la tabel­la di mar­cia for­ni­ta al Comune aril­i­cense, dovrebbe essere ulti­ma­ta entro feb­braio del 2008.«Questa vol­ta devo dire gra­zie al pres­i­dente del­la nos­tra Regione che evi­den­te­mente ha com­pre­so la neces­sità di velo­ciz­zare i tem­pi di real­iz­zazione di ques­ta stra­da», com­men­ta , sin­da­co di Peschiera. «Sono abit­u­a­to a posizioni piut­tosto scettiche nei con­fron­ti dell’operato e ancor più dei tem­pi con cui si muovono le isti­tuzioni; ma in ques­ta occa­sione va dato atto a Galan di aver saputo decidere con grande tem­pes­tiv­ità». Il prog­et­to in ques­tione rien­tra nel­la riqual­i­fi­cazione e ammod­er­na­men­to del­la stra­da regionale 11 «Padana Supe­ri­ore». Si trat­ta infat­ti del suo pri­mo stral­cio, denom­i­na­to «Com­ple­ta­men­to del­la tan­gen­ziale di Peschiera», pro­prio per­ché col­le­ga la local­ità Roviz­za (al con­fine tra le province di Verona e Bres­cia) con l’area del casel­lo autostradale di Peschiera, attra­ver­san­do quin­di tut­to il ter­ri­to­rio aril­i­cense. Poco più di tre chilometri d’asfalto per un cos­to com­p­lessi­vo pre­vis­to intorno ai 20 mil­ioni di euro. Dal prog­et­to iniziale è sta­ta invece stral­ci­a­ta la bretel­la (800 metri) di col­lega­men­to tra le provin­ciali «del Frassi­no» ed «sp 28» par­al­lela all’autostrada, il cui cos­to dove­va essere di cir­ca tre mil­ioni di euro.Già lo scor­so 23 aprile Regione, Comune e Vene­to Strade spa ave­vano sot­to­scrit­to l’intesa rel­a­ti­va agli aspet­ti urban­is­ti­ci dell’intervento. «Il prog­et­to con­tiene pre­vi­sioni diverse da quelle con­tenute nel Piano rego­la­tore comu­nale vigente e dunque rap­p­re­sen­ta e com­por­ta di fat­to una vari­ante allo stes­so; tant’è», ricor­da Chin­car­i­ni, «che ne abbi­amo par­la­to anche in Con­siglio comu­nale per­ché era nec­es­saria l’approvazione anche da parte dell’assemblea».In quell’occasione il pun­to era sta­to vota­to dal­la mag­gio­ran­za e dai con­siglieri Gaiul­li e Zena­to; con­trari Ami­ca­bile, Dalai, Dal­la Pel­le­g­ri­na, Invidia e Tomez­zoli. Ora «l’accordo di pro­gram­ma e la sua for­male approvazione con decre­to di Galan definisce a tut­ti gli effet­ti ques­ta vari­ante al Prg», scrive una nota da Venezia, «in con­for­mità con gli elab­o­rati prog­et­tuali sec­on­do una pro­ce­du­ra abbre­vi­a­ta pre­vista per inter­ven­ti con­cor­dati. Il decre­to pres­i­den­ziale dispone inoltre la dichiarazione di pub­bli­ca util­ità dell’iniziativa».«Il lavoro fat­to rende conc­re­ta la pos­si­bil­ità di rispettare i tem­pi dell’aggiudicazione del­l’ap­pal­to entro feb­braio 2008 e dei due anni pre­visti di cantiere. Noi sti­amo lavo­ran­do anche per trovare i fon­di del­la bretel­la di col­lega­men­to per la via­bil­ità inter­na che è sta­ta indi­vid­u­a­ta ma non finanzi­a­ta con il pri­mo stral­cio. Il nos­tro obi­et­ti­vo», con­clude il sin­da­co Chin­car­i­ni, «è di arrivare al 2010, in occa­sione dei cinque­cen­to anni di fon­dazione del San­tu­ario del Frassi­no, con una Peschiera all’altezza dell’appuntamento e sen­za lavori in cor­so».

Parole chiave: