Il battello s'incaglia

Lago basso: a Gardaland solo da terra

08/07/2003 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

La pri­ma vit­ti­ma del­la sic­c­ità che sta suc­chi­an­do l’ac­qua dal Gar­da è il cata­ma­ra­no diret­to fra Riva e . La ave­va isti­tu­ito il servizio anche per alleg­gerire il traf­fi­co sul­la Ori­en­tale. Il bat­tel­lo parti­va di mat­ti­na presto da Riva, face­va tre fer­mate lun­go il lago ed attrac­ca­va pri­ma delle undi­ci al pon­tile del cen­tro diver­ti­men­ti, in maniera da las­cia­re tut­ta la gior­na­ta da usufruire fra giostre, dis­chi volan­ti mon­tagne russe e giri del­la morte. Il liv­el­lo del lago è sce­so intorno al mez­zo metro sul­lo zero idro­met­ri­co: non si trat­ta anco­ra d’un liv­el­lo che pos­sa creare pre­oc­cu­pazioni per i nor­mali servizi, ma suf­fi­ciente per far can­cel­lare il cata­ma­ra­no per Garda­land dove non esiste un por­to ma solo un pon­tile, pri­va­to, che immette diret­ta­mente al par­co. Il dra­gag­gio del fon­do, la scor­sa pri­mav­era, non è sta­to abbas­tan­za deciso e così, con l’ab­bas­sa­men­to del liv­el­lo, i natan­ti han­no fini­to per striscia­re sul fon­dale. Nei por­ti nè bat­tel­li nè traghet­ti han­no fino­ra prob­le­mi, anche se il lago con­tin­ua ad abbassarsi.

Parole chiave: -