La nuova struttura costerà al Comune 2 miliardi e 700 milioni tra acquisto e costruzione

L’asilo è al traguardo: mancano solo i lavori esterni

Di Luca Delpozzo
Germano Bignotti

Sono in dirit­tura d’ar­ri­vo i lavori per la costruzione del­la nuo­va scuo­la mater­na di Cas­tiglione delle Stiviere. La scor­sa set­ti­mana l’uf­fi­cio tec­ni­co comu­nale ha provve­du­to alla con­seg­na all’im­pre­sa appal­tataria dei lavori di sis­temazione ester­na, gli ulti­mi del­la serie che dovrebbe portare alla real­iz­zazione com­ple­ta del nuo­vo cen­tro scolastico.L’assessore ai lavori pub­bli­ci Inno­cente Sereni ha fat­to il pun­to del­la situ­azione con una cer­ta sod­dis­fazione, in quan­to l’ap­pun­ta­men­to con l’aper­tu­ra del­la scuo­la in vista del prossi­mo anno sco­las­ti­co non dovrebbe a questo pun­to sfug­gire all’am­min­is­trazione di Cas­tiglione. «I lavori — ha det­to Sereni — stan­no proce­den­do nel modo migliore e per le par­ti interne sono in sta­to molto avan­za­to. Le par­ti strut­turali e divi­sorie interne sono con­cluse, così come tut­ti gli impianti pre­visti nelle pareti. In questi giorni sono in cor­so la posa dei pavi­men­ti e dei com­po­nen­ti degli impianti di riscal­da­men­to ed elet­tri­co. Per il com­ple­ta­men­to del­la strut­tura insom­ma cre­do che non ci sarà alcun tipo di prob­le­ma. Per quan­to riguar­da invece le sis­temazione esterne qualche cosa potrebbe essere real­iz­za­ta a scuo­la inizia­ta: «Abbi­amo già con­seg­na­to i lavori all’im­pre­sa per le sis­temazioni esterne — ha det­to Sereni — e queste sono già iniziate con le pavi­men­tazioni. Riten­go che, se il tem­po non con­tin­uerà ad osta­co­lar­ci, potremo rius­cire del­l’inizio del­la scuo­la. La nuo­va scuo­la com­porterà un cos­to com­p­lessi­vo per il comune di Cas­tiglione delle Stiviere di due mil­iar­di e 700 mil­ioni. Si trat­ta di una cifra che, per una parte minore è servi­ta per l’ac­qui­sizione del­l’area e che per la rima­nen­za ha per­me­s­so la costruzione.L’intervento si era reso nec­es­sario per dotare il plesso sco­las­ti­co di San Pietro di un con­gruo numero di aule, che per il momen­to non sono in dotazione: gli spazi uti­liz­za­ti dal­l’ele­mentare e dal­la mater­na sono infat­ti trop­po esigui. La costruzione del­la nuo­va scuo­la mater­na ave­va avu­to un pic­co­lo inci­dente di per­cor­so quan­do una trave ave­va subito un pic­co­lo dissesto.