L’ex rifugio Mondini, con la sua ristrutturazione, ha cambiato anche nome.

L’ex rifugio Mondini riapre i battenti e diventa Malga Prada

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

L’ex rifu­gio Mon­di­ni, con la sua ristrut­turazione, ha cam­bi­a­to anche nome. Ora si chia­ma Mal­ga Pra­da e domani riaprirà le porte al pub­bli­co dopo anni di inat­tiv­ità. A dare l’annuncio è l’avvocato Mar­co Bis­ag­no, pres­i­dente del­la soci­età Pra­da-Monte , che ha acquis­ta­to gli impianti di risali­ta e con questi anche la pro­pri­età dell’immobile sit­u­a­to a 1.550 metri di quo­ta, all’arrivo del­la bidon­via e alla parten­za del­la seggiovia.«Per l’occasione», pre­cisa Bis­ag­no, «l’assessorato ai beni ambi­en­tali del­la Provin­cia ha orga­niz­za­to nell’ambito del­la rassseg­na Tesori del Bal­do e del­la Lessinia un’escursione, con un grup­po di 300 per­sone, sul Bal­do. Sali­ran­no con la cab­i­novia fino al rifu­gio, dove potran­no provare il nuo­vo ris­torante snack-bar». «Il locale è sta­to ristrut­tura­to dal­la soci­età Pra­da-Monte Bal­do e sono sta­ti creati nuovi servizi, con un salone all’interno. La ges­tione», aggiunge il pres­i­dente, «è sta­ta asseg­na­ta a un noto ris­tora­tore del set­tore, Simone Simon­cel­li, tito­lare anche del ris­torante Fran­toio, a Pesina di Capri­no. Si apre così uffi­cial­mente domani la nuo­va attiv­ità, che andrà a com­pletare i servizi a dis­po­sizione del pub­bli­co». Quan­to agli impianti di risali­ta, dal 17 giug­no saran­no in fun­zione a pieno rit­mo tut­ti i giorni, con orario 8,30 — 18.«Si è così com­ple­ta­to il dis­eg­no di rilan­cio del­la stor­i­ca seg­giovia», con­clude Bis­ag­no, «e per cel­e­brar­lo abbi­amo anche in pro­gram­ma per il 30 giug­no una man­i­fes­tazione a ricor­do di ques­ta data, che per uno stra­no gio­co del des­ti­no ha seg­na­to la ria­per­tu­ra degli impianti: il 30 giug­no 2004, infat­ti, è sta­to siglato l’atto notar­ile di acquis­to degli impianti e degli immo­bili annes­si, men­tre il 30 giug­no 2005 è sta­ta inau­gu­ra­ta la rimes­sa in fun­zione del­la cab­i­novia-seg­giovia. Per questo pen­si­amo per il futuro, ogni anno, in ques­ta data di ricor­dare l’evento».

Parole chiave: