Concluso con successo lo scambio culturale degli alunni dell’Itc «Battisti» con la scuola tedesca di Usingen. Ragazzi ed insegnanti accompagnati al centro Sincrotone dal fisico Andrea Lausi

Lezione di scienze al laboratorio di Trieste

24/05/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
se.za.

Si è con­clu­so poco tem­po fa lo scam­bio cul­tur­ale tra l’Is­ti­tu­to tec­ni­co «Cesare Bat­tisti» di Salò e la «Chris­t­ian wirth schule» di Usin­gen (Ger­ma­nia). Nel set­tem­bre 2005 i ragazzi tedeschi era­no sta­ti ospi­tati sul lago di Gar­da. Adesso gli allievi delle clas­si 4 A e 4 B Tur­is­ti­co han­no trascor­so alcu­ni giorni pres­so le famiglie di Usin­gen, assis­ten­do ad alcune lezioni di matem­at­i­ca e di econo­mia polit­i­ca, parte­ci­pan­do a un dibat­ti­to in classe sul­la pena di morte, ecc. Le materie coin­volte nell’attività sono state: Geografia, Let­ter­atu­ra (Goethe, con rifer­i­men­ti a nos­tri autori come Pari­ni e Fos­co­lo), Arte, Sto­ria, Lin­gua Tedesca e Inglese. Altre due clas­si, la 5 A Tur­is­ti­co e la 5 A Pro­gram­ma­tori, han­no invece por­ta­to a ter­mine il prog­et­to inti­to­la­to «Sve­vo, Joyce e la cul­tura mit­teleu­ro­pea». Gli stu­den­ti si sono recati a Tri­este, riper­cor­ren­do le strade care a Sve­vo e Joyce, seguen­do itin­er­ari esam­i­nati e svilup­pati in aula, sot­to la gui­da dei pro­fes­sori Mario Berta, Amalia Bigi e Nico­let­ta Pivi­dori. C’è sta­ta inoltre l’op­por­tu­nità di assis­tere ad una inter­es­san­tis­si­ma lezione di scien­ze al Cen­tro Elet­tra, lab­o­ra­to­rio di luce di Sin­cro­tone, che rien­tra nel­la rete pri­maria per la Scien­za e la Tec­nolo­gia del­la Cei (Inizia­ti­va cen­tro euro­pea). La rete coor­di­na alcu­ni tra i più impor­tan­ti stu­di di ricer­ca. L’Elet­tra con­ta su uno staff di 300 scien­ziati, tec­ni­ci e ammin­is­tra­tivi. Più di mille (ogni anno) gli uti­liz­za­tori del­la rete. Una realtà di respiro inter­nazionale che arric­chisce ulte­ri­or­mente la già affasci­nante atmos­fera di Tri­este. Ragazzi e inseg­nan­ti sono sta­ti accom­pa­g­nati in questo per­cor­so dal fisi­co Andrea Lausi, respon­s­abile del prog­et­to rel­a­ti­vo alle polveri sot­tili. Lo scien­zi­a­to ha evi­den­zi­a­to l’im­por­tan­za delle ricerche, fon­da­men­tali per una con­tin­ua evoluzione nel cam­po del­la Biolo­gia strut­turale e delle Microtec­nolo­gie. Pos­si­bili campi di appli­cazione di queste tec­niche spaziano dalle tele­co­mu­ni­cazioni ai com­put­er, dal­la robo­t­is­ti­ca alla bioingeg­ne­r­ia, alle biotec­nolo­gie. Il diri­gente del «Bat­tisti», Cosi­mo Calò, ha ringrazi­a­to le imp­rese del­la zona (Ripa, Omsi, aziende di trasporto Almi­ci e Pel­le­gri­ni) che, con il loro gen­eroso con­trib­u­to, han­no reso pos­si­bile la real­iz­zazione e il suc­ces­so delle attiv­ità di scam­bio e degli stage lin­guis­ti­ci (Cam­bridge, feb­braio 2006). Le cit­tà vis­i­tate sono state Fran­co­forte, Hei­del­berg con l’, Mar­burg e il suo castello.

Parole chiave: