La Regione approva il cambio

«Lonato del Garda» è il nuovo nome

04/10/2007 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
(e. s.)

È uffi­ciale: il nuo­vo nome del­la cit­tad­i­na è Lona­to del Garda.Il lun­go e com­pli­ca­to iter di mod­i­fi­ca del­la denom­i­nazione del­la cit­tad­i­na, in buona sostan­za del suo allunga­men­to aggiun­gen­do «del Gar­da», è giun­to al ter­mine ieri pomeriggio.Il Con­siglio regionale lom­bar­do ha infat­ti approva­to la «leg­gi­na» che for­mal­iz­za la prat­i­ca di cam­bi­a­men­to del nome. «Il Comune — ha spie­ga­to Mon­i­ca Rizzi, rela­trice del provved­i­men­to — ha da tem­po deciso di val­oriz­zare soprat­tut­to il trat­to di spi­ag­gia in suo pos­ses­so, dove già esiste un fre­quen­tatis­si­mo cen­tro bal­n­eare, anche con inter­ven­ti di riqual­i­fi­cazione. L’indicazione di Lona­to del Gar­da per­me­t­terebbe all’Amministrazione di rice­vere finanzi­a­men­ti per la val­oriz­zazione tur­is­ti­co-com­mer­ciale dell’intero territorio».La mod­i­fi­ca arri­va esat­ta­mente a 750 anni di dis­tan­za dal­la pri­ma apparizione del nome com­ple­to su un doc­u­men­to scritto.La deci­sione di «allun­gare» il nome era sta­ta pre­sa all’unanimità dal Con­siglio comu­nale nel mese di giug­no del 2006. La pro­pos­ta era sta­ta avan­za­ta dall’Amministrazione di cen­trode­stra del sin­da­co . La pro­pos­ta era sta­ta moti­va­ta dall’esigenza di dare vis­i­bil­ità e riconosci­bil­ità al paese aggan­cian­do il nome Lona­to a quel­lo del Gar­da, lago conosci­u­to in tut­to il mondo.In questo modo, strate­gi­ca­mente, tutte le aziende ne avreb­bero ben­e­fi­ci­a­to, sen­za con­sid­er­are la spin­ta al com­par­to turistico.Dopo la pri­ma delib­era approva­ta all’unanimità, era arriva­to il parere pos­i­ti­vo del Con­siglio provin­ciale e, infine, il via lib­era dei cit­ta­di­ni. I lonate­si furono infat­ti chia­mati a esprimer­si con un ref­er­en­dum svoltosi lo scor­so mese di giug­no e che ha dato risul­tati larga­mente favorevoli al nome com­pos­to. Man­ca­va, a questo pun­to, solo la legge regionale che è sta­ta approva­ta ieri mat­ti­na a . «Sono sod­dis­fat­to — dice il sin­da­co Mario Boc­chio -. Archivi­a­ta la prat­i­ca buro­crat­i­ca, ora met­ter­e­mo in moto attra­ver­so il Piano di gov­er­no del ter­ri­to­rio, strate­gie mirate allo svilup­po del com­par­to turistico».

Parole chiave: -