Dalla casa di riposo un ponte di solidarietà verso Lima per dare un tetto a chi è senza tutto

Lotteria per aiutare i bambini abbandonati

01/06/2005 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
s.b.

Sono 90 i pre­mi posti in palio dal­la lot­te­ria orga­niz­za­ta in un bat­tibaleno dalle oper­a­tri­ci del­la casa di riposo, gui­date dal­la cuo­ca Miri­am Coati. Una lot­te­ria servi­ta per incre­mentare la sol­i­da­ri­età ver­so chi è sta­to meno for­tu­na­to ed ha bisog­no di tut­to, anche di una casa. Ad averne bisog­no sono i ragazzi abban­do­nati di Lima, in Perù, e la casa sta per real­iz­zarla l’associazione di volon­tari­a­to e sol­i­da­ri­età mon­di­ale chia­ma­ta Sin­er­gia, una Onlus con sede a Verona, in via Rovere­to 24. A lei, quin­di, andrà il rica­va­to dal­la ven­di­ta degli oltre mille bigli­et­ti che le oper­a­tri­ci del­la Coop­er­a­ti­va sociale Spazio Aper­to, che gestisce la casa di risposo di Lazise, sono rius­cite a piaz­zare fra la popo­lazione, gli anziani, gli opsi­ti del­la casa, i par­en­ti degli stes­si ospi­ti. Ma i 90 pre­mi posti in palio alla casa di risposo han­no focal­iz­za­to l’attenzione ver­so gli ospi­ti e la loro quo­tid­i­an­ità e la stes­sa estrazione dei bigli­et­ti ha con­tribuito a far fes­ta e a pas­sare un bel pomerig­gio assieme a loro. Dopo la mes­sa e un momen­to di rif­les­sione è par­ti­ta la ruo­ta del­la for­tu­na e l’atmosfera di fes­ta fra gli anziani è sta­ta vera­mente con­ta­giosa. Un suc­ces­so per tut­ti, per chi ha lavo­ra­to per real­iz­zare la lot­te­ria e per chi ha con­tribuito nel nome del­la sol­i­da­ri­età. «Dob­bi­amo asso­lu­ta­mente ringraziare quan­ti han­no col­lab­o­ra­to con noi», affer­ma una delle respon­s­abili del­la coop­er­a­ti­va sociale «per real­iz­zare questo momen­to di ami­cizia e di alle­gria. Un momen­to impor­tante sia per gli anziani ospi­ti che per noi, ma soprat­tut­to per quei bam­bi­ni peru­viani che potran­no final­mente vedere real­iz­za­to il sog­no di una nuo­va casa di accoglien­za. È anche doveroso, per noi ringraziare in modo vera­mente par­ti­co­lare tut­ti i com­mer­cianti, gli alber­ga­tori, i campeg­gia­tori, gli oper­a­tori eco­nomi­ci che han­no offer­to spon­tanea­mente e con tan­ta disponi­bil­ità i pre­mi asseg­nati alla lot­te­ria. Una vera cor­sa alla generosità».