Comunità del Baldo. Il Consiglio ha approvato la modifica dello Statuto bocciando la mozione contraria di Caprino Il vicesindaco Sbizzera siederà in giunta come settimo assessore

Malcesine conquista il direttivo

18/10/2002 in Avvenimenti
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Malcesine

La giun­ta del­la Comu­nità del aggiunge un pos­to a tavola e Mal­ce­sine entra nell’esecutivo. La deci­sione è sta­ta pre­sa l’altra sera in Con­siglio al ter­mine di una dis­cus­sione che, tra i pun­ti all’ordine del giorno, vede­va appun­to la mod­i­fi­ca al com­ma 6 dell’articolo 20 del­lo Statu­to che prevede una giun­ta «com­pos­ta da un pres­i­dente e 6 asses­sori». A osteggia­re l’idea di portare da 6 a 7 il numero degli asses­sori è sta­ta la mozione pre­sen­ta­ta sem­pre l’altro ieri da Fabio Bel­trme, con­sigliere di mino­ran­za di Capri­no. «Alla luce e in relazione agli attuali ind­i­rizzi politi­ci per­cor­si da tut­ti gli enti e strut­ture di carat­tere pub­bli­co che…stanno prat­i­can­do tagli e riduzioni ai costi ges­tion­ali delle strut­ture e nelle strut­ture esec­u­tive in fun­zione di un con­teni­men­to del­la spe­sa pub­bli­ca e di un migliore sfrut­ta­men­to delle sem­pre minori risorse eco­nomiche a disposizione,…ritenendo che l’ipotetico aumen­to del numero dei com­po­nen­ti del­la giun­ta comu­ni­taria non…aumenterà in alcun modo la prog­et­tual­ità di ques­ta ges­tione, ma porterà ad un aumen­to dei costi di ges­tione del­la strut­tura (già con­sis­tente in rap­por­to al suo bilan­cio di attiv­ità svol­ta) in un peri­o­do per­al­tro di vac­che magre, invi­to a una mag­giore rif­les­sione e val­u­tazione sul­la effet­ti­va util­ità di mod­i­fi­care lo statu­to». Se l’invito è sta­to abbon­dan­te­mente vaglia­to, tan­to che la dis­cus­sione inizia­ta alle 20.30 si è pro­trat­ta fino alle 23, la mozione è sta­ta comunque boc­cia­ta: ci sono sta­ti 19 voti favorevoli al cam­bio di statu­to, due con­trari e un astenu­to. Così, al tavo­lo del­la prossi­ma giun­ta, accan­to a Guer­ri­no Coltri, sin­da­co di Fer­rara di Monte Bal­do; Maria Tere­sa Girar­di, pri­ma cit­tad­i­na di Capri­no; gli asses­sori Alber­to Tomei, di Tor­ri, e Gui­do Bat­tis­toni, di Bren­zone; Gior­gio Cobel­li, vicesin­da­co di Coster­mano; Lui­gi Castel­let­ti, sin­da­co di Brenti­no nonché pres­i­dente del­la Comu­nità, siederà anche Fer­di­nan­do Sbizzera, vicesin­da­co di Mal­ce­sine. Se agli occhi di Bel­trame la mod­i­fi­ca del numero degli asses­sori non rap­p­re­sen­ta che «l’inutile elarginazione di una poltronci­na in quan­to essere pre­sen­ti in giun­ta nel­la Comu­nità non è fon­da­men­tale», Sbizzera, e con lui la mag­gio­ran­za, sono par­si di tutt’altro avvi­so. «A liv­el­lo isti­tuzionale essere di fat­to pre­sen­ti è fon­da­men­tale: dal pun­to di vista ammin­is­tra­ti­vo ciò qual­i­fi­ca il Comune a parte­ci­pare alle deci­sioni con dirit­to di voto. Mal­ce­sine che in 10 anni è sem­pre sta­ta assente, ha ora pieno dirit­to di pren­dere parte alle sedute di giun­ta». «E’ vero», fa eco Coltri, «Mal­ce­sine con i suoi 40mila ettari di ter­ri­to­rio mon­tano, per le sue mal­ghe, per i col­lega­men­ti che può creare tra il trenti­no e il Bal­do, è un’entrata impor­tante, non pos­si­amo che dar­le il nos­tro ben­venu­to». E Sbizzera a cosa pun­ta? «Cre­do che Mal­ce­sine pos­sa dare una spin­ta al fon­da­men­tale obi­et­ti­vo di esten­dere ed inte­grare il tur­is­mo del lago con quel­lo del­la mon­tagna e dell’entroterra. In fon­do è il cen­tro tur­is­ti­co più impor­tante del­la Comu­nità del Bal­do, può aiutare a risol­vere anche il prob­le­ma dell’isolamento del­la mon­tagna in quan­to ha sul ter­ri­to­rio i servizi e le strut­ture atte a per­me­t­tere ai tur­isti di conoscere, rag­giun­gen­dole fisi­ca­mente, le bellezze del Bal­do. Potremo anche dare i nos­tri sug­ger­i­men­ti sulle strut­ture di accoglien­za più adeguate, il tipo di pro­mozione da adottare, gli inves­ti­men­ti che, nel rispet­to del­la natu­ra, potreb­bero ren­dere la mon­tagna più facil­mente fruibile, rag­giun­gi­bile e godi­bile da molti».

Parole chiave: