Brescia, al via 372 vetture d’epoca. Bellezza, agonismo e fascino lungo le strade percorse da Fangio e Nuvolari

Mille Miglia, sfilano i gioielli su quattro ruote

01/05/2002 in Avvenimenti
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo
Brescia

Una sin­fo­nia di rumori. Di rado si con­cen­tra­no in così poco spazio così tante mer­av­iglie su quat­tro ruote. La magia del­la è soprat­tut­to questo. Giovedì 2 mag­gio in piaz­za Vit­to­ria a Bres­cia, saran­no anco­ra lì, pronte ad affrontare la stra­da che le porterà pri­ma a Fer­rara, poi via Urbino, Peru­gia e Spo­le­to a Roma, e infine di nuo­vo a Bres­cia, il 4 mag­gio. Sono 372 le auto d’epoca pronte a scal­dare i motori e a pren­dere il «largo»: si parte alle 20.15, pri­ma tap­pa in not­tur­na. Queste nobili «sig­nore» sono nate, tutte, tra il ’27 e il ’57 (l’anno in cui si svolse l’ultima edi­zione del­la Mille Miglia com­pet­i­ti­va): in quei trent’anni il mon­do delle quat­tro ruote ha fat­to pas­si da gigante. Fer­rari, Mer­cedes, Ermi­ni, Bmw, Maserati, Bugat­ti, Alfa, Porsche, Jaguar: in piaz­za Vit­to­ria basterà voltare lo sguar­do per vedere car­rozzerie fiamman­ti, pic­coli e gran­di cap­ola­vori di mec­ca­ni­ca e design, con­ser­vati gelosa­mente nei garage di ben­es­tanti appas­sion­ati che abi­tano a New York, Mod­e­na, Tokio o . Ed eccole le «sig­nore» che han­no fat­to epoca, dall’Alfa Romeo 6C 2500 SS dona­ta da Ben­i­to Mus­soli­ni a Claret­ta Petac­ci, alla Fer­rari 340 Amer­i­ca che nel ’51 vinse la com­pe­tizione con Gino Vil­lore­si al volante. La paro­la ricor­rente è «fas­ci­no», una forza d’attrazione cui nes­suno può sot­trar­si. Ma la Mille Miglia è anche una vet­ri­na: bel­lo cor­rere su un’auto d’epoca, inter­es­sante incon­trare in un solo parterre nomi del cal­i­bro di Patrizio Bertel­li , che pas­sa dalle regate di Luna Rossa alle Porsche d’epoca, alla show­girl Luisa Cor­na , alla principes­sa Glo­ria Von Turn Und Taxis o Wol­fang Schrempp (ammin­is­tra­tore del­e­ga­to Daim­ler-Chrysler). Ci saran­no anche loro, a Bres­cia, e ci saran­no anche «cop­pie» famose come Rena­to Pozzet­to che cor­rerà ques­ta edi­zione su una Bmw 327 coupé insieme all’imprenditore milanese Rena­to Del­la Valle , oppure i Gnut­ti-Gnut­ti (lui è Emilio, il finanziere bres­ciano, lei è sua moglie). Al volante anche l’ex cam­pi­one di ten­nis Boris Beck­er , e gli assi del volante, come Jochen Mass , e il pilota di F1 Jarno Trul­li . Tut­ti affron­ter­an­no le piat­te strade del­la Pia­nu­ra Padana e le dure salite per arrivare a Urbino, tut­ti prover­an­no il piacere, raro, di dare spet­ta­co­lo solo guidan­do cap­ola­vori chia­mati oggi «auto d’epoca».

Parole chiave: -