Presentato il resoconto operativo della Guardia Costiera sul lago di Garda, 2013

06/11/2013 in Attualità
Di Luigi Del Pozzo

È sta­to pre­sen­ta­to sta­mani, nel­la sede del­la , pres­so Vil­la Mirabel­la nel com­p­lesso mon­u­men­tale de “Il ” di Gar­done Riv­iera, il reso­con­to del­la attiv­ità oper­a­tive svolte da Nucleo del­la Guardia Costiera pre­sente sul lago di Gar­da.

Pre­sen­ti, oltre al pres­i­dente del­la Comu­nità del Gar­da, , anche l’Ammiraglio C.A. (CP) Tiberio PIATTELLI — Diret­tore Marit­ti­mo del Vene­to, il C.V. (CP) Mas­si­mo MAIOLO Coman­dante Oper­a­ti­vo di Zona Marit­ti­ma di Venezia — Capo servizio oper­azioni Guardia Costiera Venezia, il C.C. (CP) Ser­gio COLOMBO Capo Nucleo “Mezzi Navali Guardia Costiera Lago di Gar­da” ed il C° 1a Cl. Np Pasquale ANGELILLO Vice capo nucleo.

1250 le chia­mate rice­vute con 77 inter­ven­ti e 190 per­sone soc­corse. 35 le oper­azioni con­giunte con le altre Forze dell’Ordine. 7 invece, purtrop­po, i deces­si con un dis­per­so e 6 fer­i­ti. 390 i con­trol­li effet­tuati con 109 sanzioni ammin­is­tra­tive ele­vate e 6297 le miglia per­corse dai tre mezzi in dotazione sulle acque garde­sane: una motovedet­ta “ogni tem­po”, un gom­mone “ocean­i­co”, un gom­mone classe “Bra­vo”

La pre­sen­za del­la Guardia Costiera sul Gar­da, inizia­ta nel 1999, a segui­to del­la trage­dia che colpì una famiglia scozzese nel 1998, su inter­es­sa­men­to del­la Comu­nità del Gar­da, garan­tisce ora, con 24 uomi­ni pre­sen­ti, un servizio di pron­to inter­ven­to h 24, 365 giorni all’anno. Due le sedi: la prin­ci­pale nel­la caser­ma di Salò ed una dis­tac­ca­ta nei mesi di mag­giore fre­quen­tazione tur­is­ti­ca a Gargnano, pres­so la Mari­na di Bogli­a­co, da aprile a set­tem­bre.

Da diver­si anni la Guardia Costiera, oltre ad assi­cu­rare il servizio di pron­to inter­ven­to 1530, svolge in maniera costante e assid­ua l’attività di polizia marit­ti­ma, in col­lab­o­razione con le altre Forze dell’ordine pre­sen­ti sul lago. Questo allo scopo di ridurre i com­por­ta­men­ti peri­colosi per l’incolumità del­la col­let­tiv­ità.

Non van­no inoltre dimen­ti­cati gli inter­ven­ti di con­trol­lo e ver­i­fi­ca che, per il tramite del­la Comu­nità del Gar­da, la Guardia Costiera effet­tua, su richi­es­ta dei Comu­ni, in mer­i­to al cor­ret­to uti­liz­zo degli ormeg­gi nelle dema­niali e in mer­i­to al com­por­ta­men­to del nav­i­gante nei pres­si o nelle aree ris­er­vate alla bal­neazione o a tale scopo uti­liz­zate.

Il Nucleo Oper­a­ti­vo, con alcu­ni suoi uomi­ni, ha inoltre sup­por­t­a­to cor­si for­ma­tivi nelle scuole di vario liv­el­lo final­iz­za­ti alla divul­gazione delle buone norme com­por­ta­men­tali in mari­na e nel rap­por­to con l’ambiente cir­costante.