Qualità dell’aria: anche a Desenzano del Garda scattano le misure di primo livello

Parole chiave:
Di Redazione

Vis­to il per­sis­tere di liv­el­li di PM10 oltre la soglia di 50 micro­gram­mi per metro cubo d’aria, da oggi (mer­coledì 22 mar­zo) nel capolu­o­go e nei comu­ni del­l’ag­glom­er­a­to di Bres­cia, sono attive le lim­i­tazioni pre­viste dal pri­mo liv­el­lo del pro­to­col­lo regionale.

questo link è pos­si­bile con­sultare la map­pa con la situ­azione aggior­na­ta del­la qual­ità del­l’aria: il col­ore gial­lo indi­ca l’at­ti­vazione delle lim­i­tazioni di pri­mo liv­el­lo a par­tire dal giorno suc­ces­si­vo.

Nel Comune di Desen­zano del Gar­da, con ordi­nan­za n. 49 del 12/12/2016, il sin­da­co ha sta­bil­i­to alcune mis­ure tem­po­ra­nee per il miglio­ra­men­to del­la qual­ità del­l’aria, valide fino al 15 aprile 2017.

L’or­di­nan­za è sta­ta emes­sa in segui­to all’ade­sione del Comune al pro­to­col­lo d’in­te­sa tra Regione, ANCI Lom­bar­dia ed Enti Locali per il miglio­ra­men­to del­la qual­ità del­l’aria e il con­trasto all’in­quina­men­to locale. Il pro­to­col­lo prevede che, al supera­men­to dei lim­i­ti pre­fis­sati, entri­no in vig­ore mis­ure restrit­tive arti­co­late su due liv­el­li. In par­ti­co­lare da oggi sono attive le lim­i­tazioni del LIVELLO (al supera­men­to per 7 gg del val­ore di 50 microg/mc di PM10)

  • Esten­sione del divi­eto di cir­co­lazione dei veicoli Euro 0 ben­z­i­na ed Euro 0, 1 e 2 diesel (come da lim­i­ti vigen­ti, cioè dal lunedì al ven­erdì) alle gior­nate di saba­to, domeni­ca e ai giorni fes­tivi dalle ore 7.30 alle 19.30, per tutte le tipolo­gie di veicoli già lim­i­tate dalle ddGR n. 7635/08 e n. 2578/14. Sono man­tenute le deroghe ed esclu­sioni pre­viste dalle ddGR citate (veicoli elet­tri­ci, a GPL/metano, ecc.).
  • Lim­i­tazione all’u­ti­liz­zo delle autovet­ture pri­vate di classe Euro 3 diesel in ambito urbano dalle ore 9 alle 17 e dei veicoli com­mer­ciali di classeEuro 3 diesel dalle 7.30 alle 9.30.
  • Divi­eto per tut­ti i veicoli di sostare con il motore acce­so.
  • Intro­duzione del lim­ite di 19°C (con toller­an­za di 2°C) per le tem­per­a­ture medie nelle abitazioni e spazi ed eser­cizi com­mer­ciali. Sono man­tenute le deroghe ed esclu­sioni vigen­ti (alberghi, ospedali, scuole, ecc.).
  • Divi­eto di uti­liz­zo di gen­er­a­tori di calore domes­ti­ci ali­men­tati a bio­mas­sa leg­nosa (in pre­sen­za di impianto di riscal­da­men­to alter­na­ti­vo) con prestazioni infe­ri­ori ai val­ori del­la classe 3 stelle sec­on­do la clas­si­fi­cazione ripor­ta­ta in alle­ga­to 2 alla d.G.R. n. 5656 del 3/10/2016.
  • Divi­eto, per qual­si­asi tipolo­gia (falò rit­u­ali, bar­be­cue e fuochi d’ar­ti­fi­cio, scopo intrat­ten­i­men­to, residui agri­coli etc…), di com­bus­tioni all’aper­to.
  • Divi­eto, sen­za pos­si­bil­ità di deroghe, di spandi­men­to dei liqua­mi zootec­ni­ci.
  • Lim­i­tazione, negli eser­cizi com­mer­ciali del­la cat­e­go­ria E5, dei dis­pos­i­tivi che man­ten­gono con­tin­u­a­ti­va­mente aper­to l’ac­ces­so del pub­bli­co, con chiusura delle rel­a­tive porte.

La revo­ca delle mis­ure di 1° e/o di 2° liv­el­lo si atti­va dopo 2 giorni con­sec­u­tivi sot­to i rispet­tivi lim­i­ti di 50 e di 70 microgrammi/m3, e cioè il 3° giorno dal rien­tro con con­seguente sbloc­co dal 4° giorno.

Parole chiave: