Le squadredi polizia localeinformerannoed eseguirannole prove: nessuna sanzione.
Dalle 22.30 di stasera fino alle 6 scatta in quattro Comuni il progetto della Motorizzazione «Misura la misura»

Quanto alcolnel sangue?Arriva il test

24/08/2007 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Annamaria Schiano

Ques­ta notte dalle 22.30 fino alle 6 del mat­ti­no, all’esterno dei locali nelle vie di Gar­da, si potrà testare gra­tuita­mente, e sen­za cor­rere il ris­chio di essere mul­tati, il liv­el­lo di tas­so alcol­i­co pre­sente nel pro­prio cor­po. «Misura la Misura» è il nome del prog­et­to mes­so in cam­po dal­la Motor­iz­zazione regionale, per sen­si­bi­liz­zare la popo­lazione ai rischi che si cor­rono nel met­ter­si alla gui­da in sta­to alter­ato da alcol o da sostanze stu­pe­facen­ti. Ammin­is­trazione comu­nale e di Gar­da han­no accolto con entu­si­as­mo il prog­et­to che è pro­mosso anche dal­la Prefet­tura di Verona, inizia­to a luglio e che si con­clud­erà a metà settembre.Sono quat­tro i comu­ni coin­volti nel­la pre­ven­zione: Verona, Peschiera, Castel­n­uo­vo e Gar­da. La Prefet­tura, al tavo­lo del­la Sicurez­za stradale di luglio, ha uffi­cial­iz­za­to l’iniziativa per la provin­cia di Verona, accoglien­do il prog­et­to finanzi­a­to dal­la Motor­iz­zazione di Venezia.Roberto Maz­zuc­chi, che è respon­s­abile del prog­et­to per la polizia munic­i­pale di Gar­da insieme alla col­le­ga Maria Zant­edeschi e ad un fun­zionario del­la motor­iz­zazione, for­mer­an­no una squadra che per tre not­ti «vig­ilerà» sul­lo sta­to di ebbrez­za delle persone.«Il servizio», spie­ga Maz­zuc­chi, «non è un accer­ta­men­to di illecito, ben­sì una modal­ità di sen­si­bi­liz­zazione al prob­le­ma, attra­ver­so un auto-accer­ta­men­to delle pro­prie con­dizioni psi­co-fisiche. La motor­iz­zazione ci ha for­ni­to in comoda­to d’uso degli stru­men­ti di mod­er­na gen­er­azione che ha dis­tribuito a , polizia stradale e polizia locale. La nos­tra squadra sarà dunque pre­sente nel cen­tro stori­co ques­ta notte, per fornire infor­mazioni sulle prob­lem­atiche legate alla tossi­codipen­den­za e all’alcol». «Se poi qual­cuno vuole provare il pro­prio val­ore di alcol nel sangue», pros­egue, «sare­mo ben feli­ci di mostrar­gli i val­ori e, se il test sarà pos­i­ti­vo, gli ver­rà con­siglia­to di non met­ter­si alla gui­da». Un auto-accer­ta­men­to che potrà essere molto utile soprat­tut­to ai gio­vani, che potran­no così riconoscere i val­ori meta­bol­i­ci cor­rispon­den­ti al quan­ti­ta­ti­vo di alcool assun­to. L’iniziativa assume un val­ore par­ti­co­lare in questo peri­o­do, dopo che sulle strade lo sta­to di ebbrez­za di due per­sone ha causato altret­tan­ti inci­den­ti mortali.

Parole chiave: