Nel 2009 il vettore prevede un aumento di traffico «locale» del 52%

Ryanair a Brescia punta ai 140mila passeggeri  

24/03/2009 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Gianluca Gallinari 

scom­mette su Bres­cia. Un inter­esse a lun­go ter­mine rib­a­di­to ieri e ricam­bi­a­to dai ver­ti­ci del­la D’Annunzio Spa con la con­fer­ma del­la piena col­lab­o­razione al vet­tore di Dubli­no, che da lunedì prossi­mo farà decol­lare un nuo­vo col­lega­men­to da Mon­tichiari: un volo triset­ti­manale per Cagliari. Cui da giug­no seguirà un Bres­cia-Alghero. Nuove rotte che, aggiunte al qua­si decen­nale Bres­cia-Lon­dra, cos­ti­tu­is­cono per Ryanair il tram­poli­no ver­so l’obiettivo pre­fis­sato dei 140mila passeg­geri annui da e per il D’Annunzio.Quota un mil­ione e 400milaNumeri che sono sta­ti illus­trati ieri da Ida Bonan­no di Ryanair nel cor­so di un incon­tro con la stam­pa nel quarti­er gen­erale del­la D’Annunzio Spa, all’aeroporto di Mon­tichiari. Lì dove dal 2000, data di inizio delle oper­azioni del vet­tore irlan­dese sul­lo sca­lo bres­ciano, a bor­do dei suoi Boe­ing 737 sono tran­si­tati 1 mil­ione 400mila passeg­geri. Un dato di parten­za sig­ni­fica­ti­vo, con prospet­tive di cresci­ta con­sis­ten­ti, com­plice le «future capac­ità infra­strut­turali di Mon­tichiari, con Brebe­mi e Alta capac­ità», come ha ricorda­to il vice pres­i­dente del­la soci­età di ges­tione, Vig­ilio Bet­tin­soli, vola­to una venti­na di giorni fa a Dubli­no per incon­trare i ver­ti­ci del colos­so dell’aria e illus­trare, dati alla mano, le effet­tive poten­zial­ità dell’aeroporto bres­ciano. «È sta­to un incon­tro fon­da­men­tale — ha chiosato Francesco Fassi­ni, ex diret­tore com­mer­ciale di Orio al Serio e ora con­sulente del­la D’Annunzio Spa per gli aspet­ti com­mer­ciali — che ha seg­na­to un cam­bio di atteggia­men­to di Ryanair rispet­to a Brescia».«Su Bres­cia spe­ri­amo di crescere»La con­fer­ma dell’interesse del vet­tore irlan­dese per il D’Annunzio, sta nelle parole di Ida Bonan­no: «Su questo aero­por­to ci auguri­amo di crescere anco­ra» ha assi­cu­ra­to la gio­vane man­ag­er di Ryanair, che in Italia sta poten­zian­do il pro­prio net­work: alle sette basi esisten­ti ne aggiungerà ora quat­tro nuove (Bologna, Alghero, Cagliari e Tra­pani), per far lievitare ulte­ri­or­mente il numero di passeg­geri in volo sui 24 aero­por­ti servi­ti, che per il nos­tro Paese ammon­ta a 17 mil­ioni l’anno, con 34 rotte interne e 4 mil­ioni di uten­ti sul­la rete «interna».Altre rotte, work in pro­gressE se non bas­tasse, l’attenzione di Ryanair, è rib­a­di­ta pure dal­la volon­tà di intro­durre nuove rotte, «sulle quali sti­amo lavo­ran­do» assi­cu­ra­no dal­la D’Annunzio Spa: le indi­cazioni cir­co­late nelle scorse set­ti­mane parla­vano di Pae­si Bassi e Ger­ma­nia. Ma ieri nes­suna con­fer­ma al riguar­do. «Ci auguri­amo che questo incon­tro pos­sa essere solo l’inizio di un per­cor­so inter­es­sante — ha chiosato tut­tavia Bet­tin­soli — anche a fronte di alcune nor­ma­tive europee che impor­ran­no vari­azioni rispet­to ad altri aero­por­ti». E non è esclu­so che Ryanair si stia guardan­do intorno, trovan­do spazio libero pro­prio al D’Annunzio.

Parole chiave: