Il ricavato in beneficenza

S.Bernardo, la sagra ha fatto il superpieno

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Grande suc­ces­so anche quest’anno a Mon­tinelle di Maner­ba per l’ormai tradizionale fes­ta di mez­za estate del­la «Sagra di San Bernar­do» che ha pro­pos­to tre ser­ate all’insegna del­la musi­ca e delle spe­cial­ità gas­tro­nomiche del­la zona. Almeno 2 mila le per­sone che han­no parte­ci­pa­to alla ser­a­ta di aper­tu­ra con il Fes­ti­val dei Sosia, bril­lante­mente pre­sen­ta­to da Fran­ca Cer­veni di Events Plan­et. Ven­erdì si è bal­la­to con il com­p­lesso di Gabriele Zil­i­oli e saba­to con la band di Fran­co Gel­met­ti. Giun­ta alla sua 18ª edi­zione, la fes­ta ripristi­na­ta nel 1988 dal «Grup­po Ami­ci di San Bernar­do» e dal Grup­po di Maner­ba — ora pre­siedu­to da Gio­van­ni Boc­chio -, in ques­ta occa­sione è sta­ta allesti­ta una grandiosa pesca di benef­i­cen­za, i cui proven­ti saran­no des­ti­nati come gli altri incas­si del­la sagra, ad inizia­tive in favore di per­sone bisog­nose. Lo scor­so anno sono sta­ti devo­lu­ti 300 euro all’istituto per per­sone dis­abili «Il Vomere» di Travaglia­to e 1300 all’Istituto Niko­la­jewka di Bres­cia. «L’obiettivo degli orga­niz­za­tori», spie­ga Vit­to­rio Turi­na, pres­i­dente del «Grup­po Ami­ci di San Bernar­do, «è quel­lo di man­tenere in vita una delle poche man­i­fes­tazioni che fan­no rinascere il sen­so di comu­nità nel­la gente».

Parole chiave: