Il divieto di transito sul territorio per i mezzi pesanti potrà scattare soltanto con il via libera dell’autorità di governo

Sale la marea dei Tir«Prefettura, agisci»

22/03/2008 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Giuditta Bolognesi

Non mol­la la pre­sa, il sin­da­co Umber­to Chin­car­i­ni, che tor­na a chiedere al prefet­to di Verona, Italia For­tu­nati, la chiusura al traf­fi­co per i mezzi pesan­ti sul trat­to di regionale 11 «rica­dente in Peschiera del Gar­da tra il casel­lo autostradale e la stra­da provin­ciale Bs 11 sino a Roviz­za di Sirmione».La richi­es­ta, l’ul­ti­ma in ordine di tem­po, è data­ta 20 mar­zo 2007. Ma pri­ma di ques­ta dal Comune di Peschiera era­no già par­tite due let­tere: lo scor­so 26 feb­braio il 13 mar­zo. Let­tere rimaste anco­ra sen­za rispos­ta. Di qui la deci­sione del sin­da­co di Peschiera di ritornare «sul­l’ur­gen­za del­l’e­same del­la ques­tione» per motivi legati alla «pub­bli­ca inco­lu­mità e a tutela delle esi­gen­ze di sicurez­za del­la circolazione».All’origine del prob­le­ma la neces­sità di impedire la cala­ta del traf­fi­co auto­mo­bilis­ti­co, in par­ti­co­lare di mezzi pesan­ti, nel ter­ri­to­rio di Peschiera (frazione di San Benedet­to e trat­to di regionale che corre lun­go la cos­ta garde­sana tra i Comu­ni di Peschiera e Srim­ione). Un ris­chio per nul­la ipoteti­co: nei mesi scor­si, infat­ti, è sta­ta aper­ta al traf­fi­co la vari­ante alla stra­da regionale già ulti­ma­ta in provin­cia di Bres­cia che sfo­cia nel­la roton­da di local­ità Roviz­za del Comune di Sirmione, pun­to di con­fine con Peschiera e la provin­cia Verona. A ques­ta rota­to­ria dovrà rac­cor­dar­si il trat­to di vari­ante che inter­es­sa il ter­ri­to­rio aril­i­cense, stral­cio non a caso denom­i­na­to «com­ple­ta­men­to del­la tan­gen­ziale di Peschiera»: tre chilometri e mez­zo di stra­da che dal­la Roviz­za arriver­an­no allo svin­co­lo real­iz­za­to all’us­ci­ta del casel­lo autostradale di Peschiera. Asfal­to approva­to e in gran parte finanzi­a­ta che dovrebbe essere appal­ta­ta entro aprile. Ma in atte­sa del­la sua real­iz­zazione, come impedire ad auto e Tir in viag­gio tra Bres­cia e il di river­sar­si sul­la regionale 11 pur di restare fuori dall’autostrada?Il sin­da­co Chin­car­i­ni si è da tem­po atti­va­to per adottare tutte le mis­ure pos­si­bili per il con­trol­lo e la lim­i­tazione del tran­si­to nel­la sua area urbana. Tra gli inter­ven­ti appun­to quel­lo di richiedere al Prefet­to di Verona il divi­eto al tran­si­to dei mezzi pesan­ti nel­la parte di stra­da regionale 11 rica­dente in ter­ri­to­rio di Peschiera.Un provved­i­men­to anal­o­go a quel­lo adot­ta­to ogni anno per vietare il tran­si­to ai Tir sul­la Garde­sana ori­en­tale durante la sta­gione tur­is­ti­ca. La let­tera invi­a­ta a Verona il 20 mar­zo fa rifer­i­men­to al decre­to prefet­tizio del 10 mar­zo scor­so che dispone pro­prio questo divieto.Riguardo Peschiera, invece, Chin­car­i­ni scrive: «Dal­lo scor­so anno abbi­amo ottenu­to dal­l’am­min­is­trazione provin­ciale di Bres­cia un provvi­so­rio provved­i­men­to che vieta al traf­fi­co pesante la per­cor­ren­za sul trat­to di stra­da regionale 11 San Mar­ti­no del­la Battagli / Roviz­za fin quan­do non sarà com­ple­ta­ta la tan­gen­ziale di Peschiera del Gar­da … Ques­ta ammin­is­trazione comu­nale», scrive il sin­da­co, «ha chiesto alla prefet­tura di Verona con let­tere del 26 feb­braio e del 13 mar­zo anal­o­go provved­i­men­to di chiusura al traf­fi­co pesante per il trat­to di regionale 11 rica­dente in Peschiera del Gar­da tra il casel­lo autostradale e la provin­ciale BS 11 Roviz­za di Sirmione».«La man­can­za di tale provved­i­men­to deter­mi­na un’ev­i­dente dis­par­ità di con­sid­er­azione per la tutela del­la popo­lazione res­i­dente qui e per i tur­is­tiche ver­ran­no. A com­pro­va di tale affer­mazione», con­clude il sin­da­co riv­ol­gen­dosi al prefet­to di Verona, «si ripro­pone di segui­to quan­to ripor­ta­to nel decre­to prefet­tizio che per analo­gia potrebbe riguardare il cen­tro di San benedet­to di Lugana: “Ril­e­va­to che il traf­fi­co pesante può deter­minare, in caso di inci­den­ti, gravi peri­coli per i sog­gior­nan­ti nei numerosi campeg­gi ubi­cati a ridos­so del­la pre­det­ta stra­da e può provo­care incon­ve­ni­en­ti causati dal­la ristret­tez­za del sed­i­men­to stradale che costeggia il Lago di Gar­da e attra­ver­sa sen­za soluzione di con­ti­nu­ità cen­tri abi­tati prospicienti…”»

Parole chiave:

Commenti

commenti