Gommone rovesciato Ferito 44enne

Salvataggi sul lago di Garda

Di Luca Delpozzo

Gior­na­ta di superla­voro ieri per la di Gargnano. Il lago incres­pa­to con le sue onde impreved­i­bili ha cre­ato parec­chi prob­le­mi a diver­si tur­isti usci­ti in bar­ca. Tur­isti dis­per­si, sal­vati dall’intervento dei soc­cor­ri­tori. A rischiare di più è sta­to A. S., classe 1959, di Gargnano. Dopo il lavoro, intorno alle 18, è usci­to al largo dell’Isola dei conigli con il suo gom­mone. Per­so il con­trol­lo dell’imbarcazione, si è ritrova­to in acqua. Il moto­scafo si è roves­ci­a­to e gli è pas­sato sopra tre volte. L’elica lo ha fer­i­to super­fi­cial­mente alla tes­ta, alla gola e allo stom­a­co. Momen­ti di grande pau­ra per il 44enne gargnanese. A.S. sta­va per­den­do i sen­si quan­do è sta­to soc­cor­so da due tedeschi, che l’hanno por­ta­to a riva. È sta­to quin­di ricov­er­a­to all’ospedale di Desen­zano. A Maner­ba del Gar­da, men­tre cer­ca­vano il gom­mone di A.S. alla deri­va sen­za più occu­pan­ti a bor­do (poi trova­to a San Felice), gli uomi­ni del­la Guardia costiera si sono imbat­tuti in un’altra imbar­cazione in dif­fi­coltà per le onde. Sono fini­ti in acqua due tur­isti bel­gi, mar­i­to e moglie, entram­bi di cinquant’anni. Sono sta­ti sal­vati dalle onde e por­tati a Torre del Bena­co. A Gargnano, di fronte alla cen­trale elet­tri­ca, la Guardia costiera ha soc­cor­so una bar­ca a vela in dif­fi­coltà di manovra. Le due per­sone a bor­do non rius­ci­vano a gov­ernare l’imbarcazione. Entrambe infred­do­lite, sono state trat­te in salvo.