Nuova gestione del servizio: in arrivo cento cassonetti e a gennaio la differenziata porta a porta. Presto in funzione un furgoncino elettrico Raggiungerà ristoranti e bar di pomeriggio

Silenziatore alla raccolta rifiuti

07/07/2001 in Avvenimenti
Di Luca Delpozzo
Alvaro Joppi Alvaro Joppi

Con il mese di luglio è inizia­to, su tut­to il ter­ri­to­rio comu­nale, il nuo­vo servizio di rac­col­ta rifiu­ti. Con­corda­to con il Con­sorzio di baci­no Verona2 del Quadri­latero — al quale fan­no parte anche i comu­ni di Peschiera, Castel­n­uo­vo, Vil­lafran­ca, Sona, Valeg­gio, San Mar­ti­no Buon Alber­go, Sant’Ambrogio e Poveg­liano — il servizio è sta­to appal­ta­to ad una asso­ci­azione tem­po­ranea di imp­rese cos­ti­tui­ta da Ser­it srl, Amia Spa, Aspi­ca srl e Waste man­age­ment Italia spa. L’assegnazione dell’appalto è sta­ta l’occasione per il rin­no­vo grad­uale del par­co mezzi e quan­to pri­ma porterà anche alla sos­ti­tuzione di tut­ti i con­teni­tori sia per la rac­col­ta del sec­co, che per le diverse tipolo­gie di mate­ri­ale da dif­feren­ziare, che risul­ter­an­no poten­zi­ate nonché adeguate sec­on­do i det­ta­mi del decre­to Ronchi. A par­tire poi dal 2002, pren­der­an­no avvio i servizi di rac­col­ta del­la frazione umi­da organ­i­ca e del­la frazione verde, a com­ple­ta­men­to di tutte le altre rac­colte già avvi­ate, e cioè sec­co, car­ta, car­tone, plas­ti­ca, vetro, lat­tine, pile e med­i­c­i­nali. Per quan­to riguar­da invece i rifiu­ti ingom­bran­ti, la rac­col­ta a domi­cilio ver­rà ese­gui­ta due volte al mese solo su preno­tazione, al numero verde 800734989. «Un’altra novità impor­tante», fa pre­sente l’assessore all’ecologia Fabio Mari­noni, «è cos­ti­tui­ta dal servizio di tam­pon­a­men­to pomerid­i­ano nel cen­tro stori­co: presto ver­rà garan­ti­to dalle 16 alle 19 un giro por­ta a por­ta tra ris­toran­ti e bar del cen­tro stori­co con un fur­gon­ci­no elet­tri­co, in gra­do quin­di di non dis­tur­bare la qui­ete dei cit­ta­di­ni. Abbi­amo invece già a dis­po­sizione una spaz­za­trice elet­tri­ca e atten­di­amo una macchi­na lava e asci­u­ga per le vie pedonali. Insom­ma, sti­amo facen­do il pos­si­bile, curan­do ogni min­i­mo par­ti­co­lare, per evitare dis­gui­di agli uten­ti dato che si è dovu­to cam­biare dit­ta in piena sta­gione tur­is­ti­ca». «Senz’altro», pre­cisa anco­ra Mari­noni, «rimane qualche cosa da aggiustare, ma nel com­p­lesso deb­bo dire che tut­to è anda­to per il meglio. Questo gra­zie anche al set­tore ecolo­gia che ha oper­a­to con la mas­si­ma dedi­zione e pig­no­le­ria, pre­dispo­nen­do tut­ta la car­tografia del ter­ri­to­rio con seg­nala­to il posizion­a­men­to e la numer­azione di ogni sin­go­lo con­teni­tore. Un lavoro che sicu­ra­mente non mancherà di dare i giusti frut­ti anche in futuro».