Con il finanziamento saranno completati i lavori sulle piazzole e dentro al centro. Dalla Regione contributo di 1 milione e mezzo di euro

Soldi per finire la Fraglia

15/12/2006 in Attualità
Parole chiave: -
Di Luca Delpozzo

Poco meno di un mil­ione e mez­zo di euro per com­pletare i lavori del­la nuo­va Fraglia del­la vela. È questo il rega­lo di che la giun­ta regionale, su pro­pos­ta dell’assessore allo sport e ai lavori pub­bli­ci Mas­si­mo Gior­get­ti, con­seg­na agli abi­tan­ti del paese lacus­tre. Gra­zie alla delib­era numero 3812 del 5 dicem­bre, da Venezia arriver­an­no un mil­ione 264 mila 985 euro, più una pos­si­bile inte­grazione di altri 224 mila 345 euro per un totale di un mil­ione 489 mila 330: a tan­to ammon­ta il con­trib­u­to per ter­minare i lavori di uno dei cen­tri del­la vela più attrez­za­ti ed apprez­za­ti d’Europa. Nel luglio scor­so, quan­do il nuo­vo inse­di­a­men­to era sta­to inau­gu­ra­to, era­no inter­venute autorità par­la­men­tari e asses­sori del­la giun­ta regionale, provin­ciale e dei Comu­ni lim­itrofi, cui fu illus­tra­ta la nuo­va sede del­la Fraglia: poco meno di 1150 metri qua­drati di super­fi­cie cop­er­ta, parcheg­gi per le auto su due piani di cui uno sot­ter­ra­neo, spazi interni per le giurie di rega­ta, una sala stam­pa, locali per gli spoglia­toi, bar, ris­torante, sala riu­nioni, toi­lettes, due gran­di piazze esterne per con­tenere le barche in sec­ca, gru per l’alaggio. Con l’utilizzo di leg­no, pietra, vetro ed erba la strut­tura, alta quat­tro metri per un vol­ume totale di 2671 metri cubi, appare dal­la garde­sana sem­plice­mente come una col­li­na verde aggrap­pa­ta alla spi­ag­gia, a pochi metri dalle acque lacus­tri. Gli oltre due­cen­to posti bar­ca poi garan­tis­cono spazi adeguati che, per altri pae­si del lago, sono sem­plice­mente un mirag­gio. Una sede per la vela che è costa­ta in tut­to 2.978.659 euro e che dà anche in questo l’idea di quan­to impor­tante sia per l’economia dell’alto lago.La ha inser­i­to il finanzi­a­men­to tra quel­li per «gli impianti sportivi di eccel­len­za» e copre cir­ca il 50 per cen­to del cos­to com­p­lessi­vo. «Cer­ta­mente la strut­tura di Mal­ce­sine», ha con­fer­ma­to l’assessore regionale Mas­si­mo Gior­get­ti, «è un pun­to di rifer­i­men­to per la vela ital­iana ed inter­nazionale. Non dimen­tichi­amo che, gra­zie alla pecu­liare situ­azione oro­grafi­ca ed eoli­ca, quel trat­to di Gar­da è fre­quen­ta­to da sportivi e squadre prove­ni­en­ti davvero da tut­to il mon­do. La giun­ta ha volu­to fare questo cospic­uo sac­ri­fi­cio, specie in peri­o­di di “vac­che magre” come questi, per garan­tire al Comune ed alla soci­età che gestisce la Fraglia, gui­da­ta dal pres­i­dente Gian­ni Tes­ta, di pot­er portare a com­pi­men­to i lavori». «Tra l’altro», ha spec­i­fi­ca­to anco­ra Gior­get­ti, «attra­ver­so lo sport ed il richi­amo che questo eserci­ta tan­to sug­li ital­iani che sug­li atleti stranieri, si riesce a met­tere in moto un volano eco­nom­i­co fon­da­men­tale per il ter­ri­to­rio garde­sano e si dif­fonde la conoscen­za del ter­ri­to­rio lacus­tre». Sod­dis­fat­tis­si­mo per la notizia il pri­mo cit­tadi­no di Mal­ce­sine, Giuseppe Lom­bar­di. «Sape­va­mo di ques­ta pos­si­bil­ità e sper­ava­mo molto in questo con­trib­u­to», ha det­to al tele­fono il sin­da­co, «anche per­chè c’è anco­ra qualche fat­tura in sospe­so, ed anche di impor­to ril­e­vante…». «Con questi sol­di», ha com­men­ta­to Gian­ni Tes­ta, pres­i­dente del­la Fraglia, «final­mente potremo finire tut­ti i lavori, tan­to sulle piaz­zole esterne per le barche da tenere in sec­ca, quan­to per il resto dei servizi del­la nos­tra pres­ti­giosa sede. L’assessore Gior­get­ti è sta­to di paro­la ed ha man­tenu­to una promes­sa che ci ave­va fat­to: di questo gli siamo davvero molto grati. Abbi­amo costru­ito tut­to con i mutui e le garanzie date dal Comune di Mal­ce­sine e questo è il pri­mo ed uni­co con­trib­u­to che ci arri­va: ci ser­vi­va veramente».Molto inter­es­sante ed inno­v­a­ti­va è la ges­tione del­la Fraglia del­la vela: una part­ner­ship pub­bli­co- pri­va­to, di cui il Comune ha la mag­gio­ran­za delle quote. «Il Comune», ha chiu­so il sin­da­co, «detiene il 51 per cen­to men­tre il 49 è del­la Fraglia. Ci siamo fidati di ques­ta preziosa asso­ci­azione che, da oltre cinquan­ta anni, opera con suc­ces­so a Mal­ce­sine. Per il 2007 la Fraglia si è già aggiu­di­ca­ta la pos­si­bil­ità di ospitare regate di liv­el­lo nazionale ed europeo in varie clas­si. A parte i risul­tati sportivi, i lavori sui posti bar­ca e sul­la sede sono oggi sot­to gli occhi di tut­ti».

Parole chiave: -