Il 1999 ha segnato, per il lago di Garda, il ritorno degli olandesi dopo un periodo che sembrava aver fatto registrare una qualche disaffezione.

Stagione turistica 1999: annata positiva

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Il 1999 ha seg­na­to, per il , il ritorno degli olan­desi dopo un peri­o­do che sem­bra­va aver fat­to reg­is­trare una qualche dis­af­fezione. Un 10% in più di arrivi ed un 21% in più di pre­sen­ze rispet­to al 1998 sono i dati che per il 1999 han por­ta­to gli olan­desi a far reg­is­trare, in ter­mi­ni per­centu­ali, il mag­gior bal­zo in avan­ti tra i tur­isti stranieri. Fles­sione insis­tente invece rispet­to al 1998 dei france­si che han fat­to reg­is­trare un calo del 16% negli arrivi e del 19% nelle pre­sen­ze. I più assidui fre­quen­ta­tori del Gar­da si sono con­fer­mati i cit­ta­di­ni tedeschi che han­no rap­p­re­sen­ta­to più del 57% del movi­men­to tur­is­ti­co straniero e qua­si il 42% del movi­men­to tur­is­ti­co com­p­lessi­vo, las­cian­dosi alle spalle, dis­tanziati, i tur­isti ital­iani che si sono attes­ta­ti sul 27%.Complessivamente il dato uffi­ciale del movi­men­to tur­is­ti­co garde­sano, reg­is­tra­to dalle Aziende di Pro­mozione Tur­is­ti­ca di Bres­cia, del­la Riv­iera degli Olivi e del Gar­da Trenti­no e rielab­o­ra­to uni­tari­a­mente dal­l’Uf­fi­cio Stu­di del­la , ha fat­to ril­e­vare poco meno di 3 mil­ioni di arrivi (2.936.653, pari a un +3.57% rispet­to all’an­no prece­dente) e qua­si 16 mil­ioni di pre­sen­ze (+5.64% rispet­to al 1998). Un mil­ione 845.068 ha scel­to la sis­temazione alberghiera, 1 mil­ione 91.585 quel­la in eser­cizi extralberghieri.In ter­mi­ni di pre­sen­ze, la spon­da bres­ciana ne ha fat­to reg­is­trare 5.127.219, il Gar­da Trenti­no 2.456.627, la Riv­iera degli Olivi 8.189.135. Prevalen­za di pre­sen­ze alberghiere sul Gar­da bres­ciano e su quel­lo trenti­no, net­ta prevalen­za del­l’ex­tral­berghiero sul­la riv­iera veronese. Alle spalle di tedeschi ed ital­iani, tra col­oro che prediligono il Gar­da per la loro vacan­za si col­lo­cano, per­centual­mente, per numero di pre­sen­ze, gli olan­desi (7,34%), gli ingle­si (6,76%) e gli scan­di­navi (4,72%). Più nel veronese e nel trenti­no che nel bres­ciano le pre­sen­ze tedesche; più nel veronese e nel bres­ciano che nel trenti­no, quelle olan­desi; più nel trenti­no e nel bres­ciano che nel veronese, le pre­sen­ze ingle­si; più sul­la spon­da bres­ciana che in quel­la veronese e trenti­na, quelle degli italiani.Anche la sta­gione tur­is­ti­ca 2000 sem­bra esser­si avvi­a­ta sot­to i migliori aus­pi­ci ed i prossi­mi mesi ci diran­no se le linee di ten­den­za evi­den­zi­ate lo scor­so anno negli afflus­si tur­is­ti­ci sul Gar­da saran­no confermate.

Parole chiave: