È deciso: il centro storico della città sarà liberato dal traffico pesante. È ormai solo una questione di tempo. Camion e tir verranno, infatti, allontanati dalle vie centrali.

Stop al traffico pesante

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Ennio Moruzzi

È deciso: il cen­tro stori­co del­la cit­tà sarà lib­er­a­to dal traf­fi­co pesante. È ormai solo una ques­tione di tem­po. Camion e tir ver­ran­no, infat­ti, allon­ta­nati dalle vie cen­trali, in par­ti­co­lare dall’ex-statale, quel­la che dal semaforo d’ingresso a Desen­zano all’incrocio con viale Andreis attra­ver­sa, taglian­do in due, l’abitato fin oltre la local­ità di Riv­oltel­la. I ter­mi­ni esat­ti del provved­i­men­to non sono anco­ra sta­ti defin­i­ti, ma il sin­da­co del­la cit­tà Felice Anel­li con­fer­ma la deci­sione. Non solo. Comu­ni­ca di avere già invi­a­to una richi­es­ta for­male all’Anas per avere l’autorizzazione ad instal­lare i cartel­li seg­naleti­ci anche nel­la zona del­la roton­da del­la local­ità Per­la. L’iniziativa riguarderà gli automezzi pesan­ti. «Ver­rà mate­rial­mente tradot­ta in ordi­nanze — spie­ga il sin­da­co — quan­do i lavori alla roton­da del­la Per­la appun­to avran­no ripristi­na­to le due cor­sie di acces­so alla stes­sa così che non si rischi di creare code ed intasa­men­ti in ques­ta zona. Questo è sta­to anche il sug­ger­i­men­to che ho rice­vu­to dal­la Polizia stradale». Il divi­eto di tran­si­to, dunque, su viale Mar­coni e poi su via Agel­lo fin dopo Riv­oltel­la riguarderà entram­bi i sen­si di mar­cia. I ter­mi­ni esat­ti dell’ordinanza, dice­va­mo, non sono anco­ra sta­ti stu­diati. «Riten­go — dice il sin­da­co — che il divi­eto scat­terà dal semaforo del­la mini­tan­gen­ziale per chi proviene da Padenghe all’altezza dell’incrocio con via Mar­coni e viale Andreis. Qui ver­rà pos­to il divi­eto di svol­ta a sin­is­tra per gli automezzi pesan­ti, costret­ti dunque a pros­eguire in direzione di Lona­to fino a immet­ter­si sul­la nuo­va tan­gen­ziale che è poi il nuo­vo trac­cia­to del­la statale 11. Lo stes­so dis­cor­so ver­rà fat­to — con­clude il sin­da­co — in sen­so con­trario, cioè per quan­ti proven­gono da Sirmione che saran­no costret­ti a deviare ver­so la tan­gen­ziale nel­la zona di San Mar­ti­no del­la Battaglia». L’iniziativa pare decisa­mente impor­tante e coro­na una serie di prog­et­ti che nel cor­so degli ulti­mi 15 anni era­no sta­ti a più riprese pro­posti all’attenzione delle Ammin­is­trazioni e del­la Regione dall’Azienda di sog­giorno e dagli oper­a­tori tur­is­ti­ci del­la cit­tà. Infat­ti uno dei prob­le­mi più pres­san­ti delle pic­cole cap­i­tali delle vacanze del è pro­prio quel­lo del­la . Le statali infat­ti, costru­ite tan­ti decen­ni fa, scor­rono in riva al lago, attra­ver­sano gli abi­tati cre­an­do caos, intasa­men­ti, code e smog. Così i Comu­ni di Desen­zano e Sirmione ave­vano pen­sato anni fa, in accor­do con Peschiera, di deviare obbli­ga­to­ri­a­mente camion e tir sull’autostrada Serenis­si­ma almeno nei mesi estivi. L’intervento sem­bra­va ormai cosa fat­ta quan­do la approvò una speci­fi­ca leg­gi­na che stanzi­a­va, gra­zie all’impegno dell’allora asses­sore ai Trasporti Bis­car­di­ni, anche i fon­di nec­es­sari. Ma poi non se ne fece più nul­la per­chè il Vene­to non varò un anal­o­go provved­i­men­to per la zona di sua com­pe­ten­za, cioè il ter­ri­to­rio di Peschiera. Ora la situ­azione è cam­bi­a­ta. E a con­sen­tire un’iniziativa autono­ma del Comune di Desen­zano è sta­ta negli ulti­mi anni la costruzione e l’apertura al traf­fi­co del­la tan­gen­ziale che, anche se incom­pi­u­ta, comunque è uti­liz­za­ta nel trat­to com­pre­so appun­to fra la local­ità Per­la di Desen­zano e San Mar­ti­no del­la Battaglia. Ques­ta è diven­ta­ta la nuo­va statale 11, men­tre il vec­chio trac­cia­to, che attra­ver­sa il cen­tro abi­ta­to di Desen­zano, è sta­to declas­sato e la com­pe­ten­za su quest’ultima stra­da trasferi­ta al Comune. Dunque ora il sin­da­co può legit­ti­ma­mente fir­mare un’ordinanza di divi­eto di tran­si­to per gli automezzi pesan­ti in cen­tro, aven­do la pos­si­bil­ità alter­na­ti­va di far­li tran­sitare sul­la tan­gen­ziale che pas­sa all’esterno dell’abitato. Una sol­lecitazione in tal sen­so gli è sta­ta recen­te­mente riv­ol­ta anche dal con­sigliere di mino­ran­za Rino Pol­loni. «Non era nec­es­saria — spie­ga il sin­da­co Felice Anel­li — con­sid­er­a­to che il prob­le­ma è all’ordine del giorno del­la mia Ammin­is­trazione da sem­pre. Ed è quan­to farò appe­na sci­olto il nodo via­bilis­ti­co in local­ità Per­la, dove sono in cor­so lavori» com­men­ta deciso il pri­mo cit­tadi­no. «Spero di pot­er fir­mare l’ordinanza pri­ma di fer­ragos­to e, dunque, di elim­inare il tran­si­to degli automezzi pesan­ti dal cen­tro di Desen­zano e Riv­oltel­la già ques­ta estate».

Parole chiave: