TASI, Il sindaco interviene e tranquillizza i contribuenti

Parole chiave: -
Di Luigi Del Pozzo

In tut­ta Italia la prossi­ma sca­den­za del­la sta met­ten­do in dif­fi­coltà i Comu­ni che, come il nos­tro, han­no delib­er­a­to nei tem­pi e nei modi pre­visti dal­la legge.

I tem­pi ristret­ti imposti dal­la nor­ma tra la delib­era del Con­siglio Comu­nale e la sca­den­za del­la pri­ma rata (16 giug­no), l’elevato numero di res­i­den­ti a Desen­zano (28.000) e la pre­sen­za di un gran numero di abitazioni, uni­ta alla com­p­lessità delle casis­tiche, stan­no cre­an­do prob­le­mi sia ai cit­ta­di­ni che agli Enti.

Per­ciò, mal­gra­do l’impegno stra­or­di­nario dell’ufficio Trib­u­ti, che ha amplia­to il numero di oper­a­tori e l’orario di aper­tu­ra, e nonos­tante l’attivazione di sale di atte­sa e la dis­tribuzione di numeri di prece­den­za, si stan­no reg­is­tran­do punte di affol­la­men­to che è dif­fi­cile assorbire.

Non sare­mo cer­to noi” – dichiara il Sin­da­co “a ves­sare i cit­ta­di­ni con­tribuen­ti. Per questo voglio ras­si­cu­rare che, come ho chiesto nel­la let­tera al Pres­i­dente Ren­zi, fino al 16 luglio non scat­ter­an­no sanzioni a tap­peto“. “La legge non con­sente una pro­ro­ga for­male” – pros­egue il pri­mo cit­tadi­no – “ma si può appli­care con buon sen­so ver­so i con­tribuen­ti onesti costret­ti a qualche giorno di ritardo“.

Sul sito del Comune è sem­pre disponi­bile il cal­co­lo on line dell’imposta con la stam­pa del mod­el­lo F24. Even­tu­ali errori di con­teg­gio potran­no essere risolti al momen­to del conguaglio annuale.

Parole chiave: -