Buono il bilancio dell’Unione gardesana albergatori che raggruppa 370 strutture

Un anno di pienone per il turismo ma grazie ai campeggi e ai villaggi

28/12/2006 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Stefano Joppi

Nell’annuale relazione dell’Ugav, Unione garde­sana alber­ga­tori verone­si, svoltasi all’hotel Cae­sius di Cisano, il pres­i­dente Giuseppe Loren­zi­ni ha elen­ca­to in modo det­taglia­to l’attività svol­ta dall’associazione che rag­grup­pa 370 alberghi, pari all’82 per cen­to degli hotel esisten­ti sul­la Riv­iera degli Olivi.Un’analisi ad ampio respiro a par­tire dal dato delle pre­sen­ze tur­is­tiche. «Siamo rius­ci­ti ad aumentare le pre­sen­ze del­la spon­da veronese del Gar­da di qua­si il quat­tro per cen­to pas­san­do da nove mil­iononi 136mila pre­sen­ze del 2005 ai nove mil­ioni 444.681 di quest’anno», ha sostenu­to Loren­zi­ni, pre­cisan­do però che l’aumento è dovu­to qua­si com­ple­ta­mente ai campeg­gi e ai vil­lag­gi tur­is­ti­ci. «Come alberghi abbi­amo avu­to solo un incre­men­to di pre­sen­ze del­lo 0,55 per cen­to». In cifre cir­ca 20mila pre­sen­ze in più rispet­to al 2005 per un totale di tre mil­ioni 710.887 per­not­ta­men­ti a fronte di un mil­ione d’arrivi (+ 3,61 per cento).«Mantenere le posizioni è sta­to già un grande risul­ta­to, vista l’agguerrita con­cor­ren­za che ci viene dalle nuove des­ti­nazioni tur­is­tiche in pae­si emer­gen­ti che han­no costi irrisori rispet­to ai nos­tri», ha ripreso Loren­zi­ni rib­aden­do che i risul­tati pos­i­tivi sono il frut­to del­la qual­ità dell’accoglienza e del con­teni­men­to dei prezzi. Tur­isti, anche i più facoltosi, sem­pre atten­ti al rap­por­to qual­ità prez­zo, tan­to che la red­di­tiv­ità degli alberghi si è notevol­mente ridot­ta. Tra i prob­le­mi del­la cat­e­go­ria la dif­fi­coltà a reperire per­son­ale pro­fes­sion­ale con il ricor­so a molti stranieri e rel­a­tive lun­gag­gi­ni buro­cratiche per la prat­i­ca di assun­zione. «Un altro ele­men­to di pre­oc­cu­pazione è quel­lo del cam­bio del­la doman­da», con­tin­ua Loren­zi­ni. «C’è un notev­ole calo di tur­isti fra il Cor­pus domi­ni e il 10 agos­to, con punte mas­sime ver­so fine di luglio. Alcu­ni alber­ga­tori han­no cam­bi­a­to i lis­ti­ni facen­do diventare quel peri­o­do mez­za sta­gione. Va meglio invece il mese di set­tem­bre, fino ai pri­mi di otto­bre. Anche il lavoro con i tour oper­a­tor diven­ta sem­pre più dif­fi­cile: esigono prezzi scontatissimi».Sempre nel cor­so dell’assemblea il pres­i­dente dell’Ugav ha pun­ta­to l’attenzione sul rap­por­to con il con­sorzio Lago di Gar­da è. Dopo aver elo­gia­to l’operato dell’ente e la capac­ità d’attrarre fon­di region­ali, qua­si 900 mila euro, Loren­zi­ni non ha man­ca­to di lamentare la man­can­za di comu­ni­cazione: «Non veni­amo infor­mati nei det­tagli sui pro­gram­mi di pro­mozione per le azioni pub­blic­i­tarie tramite i mass media, il sito inter­net, gli stu­di e le ricerche. E sì che tramite le nos­tre quote annu­ali, le inserzioni sul cat­a­l­o­go e le pub­blic­ità sui mezzi di comu­ni­cazione pro­posti dal­lo stes­so con­sorzio, inves­ti­amo 250mila euro, più di un quar­to dei finanzi­a­men­ti locali. E non dimen­tichi­amo che gli alber­ga­tori iscrit­ti sono 330 men­tre i soci del con­sorzio sono 460».In relazione invece alla cen­trale di preno­tazioni Gar­da Pass, al quin­to anno di attiv­ità, il mas­si­mo diri­gente degli alber­ga­tori ha ricorda­to come il servizio, al quale aderiscono 275 hotel, offre lavoro a 10 dipen­den­ti che han­no rac­colto 9.300 preno­tazioni per 63mila pre­sen­ze e un vol­ume d’affari di duemil­ioni e 700mila euro. Infine pros­eguirà anche nel 2007 il servizio di free trans­fer dagli aero­por­ti di Vil­lafran­ca, Mon­tichiari e Orio al Serio. In prat­i­ca i tur­isti che giun­gono in uno di questi tre aero­por­ti e che sog­gior­nano in una strut­tura alberghiera del­la Riv­iera degli Olivi ven­gono trasportati gra­tuita­mente al pro­prio hotel: sono sta­ti 8.300 gli ospi­ti che han­no ben­e­fi­ci­a­to del servizio e di questi, 4.750 da Verona, 2.700 da Bres­cia e 850 da Orio al Serio. Tur­isti trasportati a Mal­ce­sine (4.300), Bar­dolino (2.010), Gar­da (1.100) e in altri pae­si lacus­tri (800).Al ter­mine dell’assemblea è segui­ta la cena con­viviale che ha vis­to la parte­ci­pazione di numerose autorità fra le quali l’onorevole Aldo Branch­er, che vuole ripro­porre lo spet­ta­co­lo itin­er­ante Gar­da che Musi­cal prodot­to da Bibi Bal­lan­di l’assessore provin­ciale Davide Bendinel­li; il sin­da­co di Lazise Ren­zo Frances­chi­ni; il pres­i­dente del­la funi­via Giuseppe Ven­turi­ni; il diret­tore del­la Mar­cel­lo Cop­po­la; il del­e­ga­to dell’ufficio pas­torale del tur­is­mo don Gior­gio Benedet­ti e il pres­i­dente dell’associazione provin­ciale alber­ga­tori Cuci­ni.

Parole chiave: