Presto al via i lavori di arredo urbano in Borgo Cavour e nel tratto di passeggiata tra Villa Carrara Bottagisio e Punta Mirabello

Un anno per mettere a nuovo il lungolago

08/01/2006 in Attualità
Di Luca Delpozzo
Stefano Joppi

L’amministrazione comu­nale ha vara­to i prog­et­ti defin­i­tivi per la riqual­i­fi­cazione di Bor­go Cavour, lavori che ver­ran­no svolti in due stral­ci, e del lun­go­la­go che con­giunge Pun­ta Mirabel­lo a Pun­ta Cor­ni­cel­lo. Nel pri­mo caso l’importo totale dell’intervento, già in fase d’appalto, è di 300 mila euro. «L’intento è quel­lo di ren­dere più ordi­na­ta e di pre­gio la zona che intro­duce al paese, trasfor­man­do una pura arte­ria di col­lega­men­to stradale in un per­cor­so veico­lare e pedonale con carat­ter­is­tiche d’inserimento al cen­tro stori­co vero e pro­prio», affer­ma il vicesin­da­co e asses­sore ai lavori pub­bli­ci Adeli­no Avanzi­ni. «Ver­ran­no real­iz­za­ti su entram­bi i lati del­la sede stradale dei mar­ci­apie­di in por­fi­do, men­tre la con­fluen­za con Por­ta Verona e via Fos­se avrà un nuo­vo arredo urbano, con pavi­men­tazione in pietra di prun bian­ca e zona a verde pub­bli­co con mes­sa a dimo­ra di essen­ze flo­re­ali ed arbus­tive a bas­so fus­to. La cor­sia cen­trale, sem­pre a sen­so uni­co di mar­cia, sarà invece real­iz­za­ta in asfal­to col­orato. Sarà inoltre riv­ista l’illuminazione pub­bli­ca. Il pri­mo stral­cio dei lavori, per un impor­to di 100 mila euro, par­tirà a breve, men­tre l’opera sarà ulti­ma­ta entro l’anno», affer­ma Avanzi­ni. Costerà invece 350 mila euro sis­temare la passeg­gia­ta del lun­go­la­go tra Vil­la Car­rara Bot­tag­i­sio e la ex colo­nia solare «Pietro Vin­cen­zi», a Pun­ta Mirabel­lo. «Attual­mente il per­cor­so, quel­lo dove ci sono le pan­chine per inten­der­ci, non per­me­tte una cor­ret­ta fruizione pedonale, tan­to che l’area non è all’altezza di un paese tur­is­ti­co come », riprende il vicesin­da­co. «Il nos­tro inten­to è di creare uno spazio più adegua­to per chi passeg­gia, elim­i­nan­do le aiuole che a trat­ti inter­rompono il per­cor­so pedonale. Ver­ran­no quin­di indi­etreg­giate le pan­chine e lo sparu­to verde rimas­to ver­rà trasfor­ma­to in vere e pro­prie vasche flo­re­ali digradan­ti ver­so la stra­da inter­na». Le nuove aiuole saran­no real­iz­zate con ele­men­ti veg­e­tali di varia natu­ra: arbus­tivi di bas­so taglio e flo­re­ali sta­gion­ali o peren­ni. La delim­i­tazione di queste aiuole sarà real­iz­za­ta con cor­doli in sas­so nat­u­rale e la veg­e­tazione sarà inter­ca­la­ta da rampe che met­ter­an­no in comu­ni­cazione diret­ta la stra­da con la passeg­gia­ta a lago, quest’ultima real­iz­za­ta in cubet­ti di por­fi­do. «Ver­ran­no invece tolte le aiuole che costeggiano le ville che si affac­ciano sul lun­go­la­go, in modo da met­tere meglio in risalto la bellez­za architet­ton­i­ca delle stesse», con­clude Adeli­no Avanzi­ni pron­to a prospettare anche in questo caso il ter­mine dei lavori entro la fine dell’anno.