Servizi, iniziative, aiuti e investimenti a favore delle famiglie e dei giovani lonatesi. Questi i principali contenuti del Piano Socio-assistenziale 2009/2010 di Lonato del Garda, approvato dal Consiglio comunale il 28 luglio scorso.

Un piano per le famiglie e i giovani

05/08/2009 in Attualità
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo

Nel­la sedu­ta del Con­siglio comu­nale del 28 luglio 2009, insieme al nuo­vo Piano Dirit­to allo Stu­dio, è sta­to approva­to anche il Piano Socio-assis­ten­ziale 2009/2010, un altro doc­u­men­to pecu­liare, con cui l’Amministrazione sta­bilisce le final­ità del pro­prio oper­a­to e, soprat­tut­to, pro­gram­ma le inizia­tive, i servizi e gli aiu­ti a favore di nuclei famil­iari, minori e gio­vani, anziani e sogget­ti dis­agiati di Lona­to del Gar­da.  L’obiettivo gen­erale, come per il Servizio sociale comu­nale, è il persegui­men­to del­la pro­mozione e il miglio­ra­men­to del­la qual­ità del­la vita dei lonate­si, in col­lab­o­razione con i servizi san­i­tari e del sis­tema sco­las­ti­co e for­ma­ti­vo nonché con i sogget­ti pri­vati e gli enti di sol­i­da­ri­età locali Per pot­er rispon­dere anco­ra meglio alle cres­cen­ti neces­sità e richi­este, sorte anche in segui­to alla crisi eco­nom­i­ca, l’Ufficio comu­nale si è dota­to di una nuo­va assis­tente sociale.  L’impegno di spe­sa per il Piano Socio-assis­ten­ziale è cresci­u­to negli anni e, se all’inizio dell’attuale Ammin­is­trazione, si parla­va di 1.200.000 euro, oggi il con­trib­u­to stanzi­a­to dal Comune per l’area socio-assis­ten­ziale ammon­ta a 1.600.000 euro. «Inves­ti­men­to che ha per­me­s­so di real­iz­zare nuovi servizi e prestazioni, pre­si anche a mod­el­lo da riv­iste spe­cial­iz­zate come il Sole 24 ore», spie­ga l’assessore ai e allo Sport, Ettore Prandini. 

Parole chiave: