Una nuova iniziativa culturale dell’Associazione studi storici «Carlo Brusa», in collaborazione con l’Amministrazione comunale di Desenzano…

Un volume sull’opera di Valeri

22/12/2001 in Cultura
Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Roberto Darra

Una nuo­va inizia­ti­va cul­tur­ale dell’Associazione stu­di stori­ci «», in col­lab­o­razione con l’Amministrazione comu­nale di Desen­zano, è in scalet­ta oggi pomerig­gio, alle ore 17, nel­la sala Pel­er di palaz­zo Tode­s­chi­ni. Sarà pre­sen­ta­to il libro di Camil­la Podavi­ni «I giorni, i mesi, gli anni — l’opera di Diego Valeri», con una nota di Andrea Zan­zot­to. «La pub­bli­cazione — come pun­tu­al­iz­za Rena­to Laf­fran­chi­ni, dell’associazione Car­lo Brusa — vuole cel­e­brare il 25esimo del­la morte del poeta, che era cit­tadi­no ono­rario di Desen­zano. In ques­ta occa­sione rie­vocherà la figu­ra di Diego Valeri il criti­co e scrit­tore Gianan­to­nio Cibot­to, ami­co del poeta. Valeri ama­va molto Desen­zano, l’aveva scop­er­to intorno al 1911, quan­do ave­va inizia­to la pro­pria attiv­ità di inseg­nante a Cas­tiglione, nel gin­na­sio par­i­fi­ca­to Belli­ni-Pas­tore. Da lì rag­giunge­va in bici­clet­ta il Gar­da. Divenu­to anziano, scelse Desen­zano come luo­go di vacan­za, div­i­den­do la sua vita tra Venezia e la cit­tad­i­na lacus­tre». Camil­la Podavi­ni, inseg­nante nelle scuole sec­on­darie, si lau­reò a Pado­va con temi sull’opera di Diego Valeri. La pub­bli­cazione la recu­pera, aggior­nan­do questo lavoro, che è una rasseg­na e una let­tura inter­pre­ta­ti­va di tut­ta la pro­duzione let­ter­aria di Valeri, dal­la alla prosa, dai sag­gi crit­i­ci alle traduzioni. Un vol­ume che risul­terà molto utile a tut­ti col­oro che vogliono far conoscen­za del mon­do poet­i­co e umano di Valeri, il quale, al momen­to di rice­vere la cit­tad­i­nan­za ono­raria di Desen­zano, il 15 mag­gio 1969, scrisse sull’albo d’onore del­la cit­tà le seguen­ti parole: «A Desen­zano, mia anti­ca e nuo­va cit­tà del cuore, alla luce del Gar­da, al calore degli affet­ti umani di cui oggi ho avu­to la più cer­ta man­i­fes­tazione, gra­zie, gra­zie di cuore, gra­zie con tut­ta l’anima».

Parole chiave: