Parte il 27 novembre 2009 la seconda edizione di “Bio In Tavola”, la manifestazione enogastronomica organizzata dall’associazione di produttori biologici lombardi “La Buona Terra” con il patrocinio di Regione Lombardia.

Una settimana di sapori “Bio” nei ristoranti di Lombardia

20/11/2009 in Attualità
Di Luca Delpozzo

 Un cir­cuito di 20 ris­toran­ti tra Bres­cia, Berg­amo, Cre­mona e Man­to­va per sco­prire eccel­len­ze, sapori e pecu­liar­ità di un set­tore par­ti­co­lare come l’agricoltura bio­log­i­ca lom­bar­da: set­tore che sta conoscen­do una cresci­ta, sia in ter­mi­ni pro­dut­tivi che in ter­mi­ni di riconosci­men­to qual­i­ta­ti­vo, e che anche quest’anno ha scel­to il cuore dell’autunno per dare appun­ta­men­to ai con­suma­tori su alcune delle migliori tav­ole del­la ris­torazione lombarda.Questo, in estrema sin­te­si, il pro­fi­lo del­la sec­on­da edi­zione di “Bio in Tavola”, inizia­ti­va orga­niz­za­ta dall’associazione , che ha sede a Lona­to in provin­cia di Bres­cia e rac­coglie una impor­tante e cospicua rap­p­re­sen­tan­za di pro­dut­tori bio­logi­ci lom­bar­di. L’evento è in cal­en­dario nel­la set­ti­mana com­pre­sa tra ven­erdì 27 novem­bre e domeni­ca 6 dicem­bre: e l’aumento del­la dura­ta del­la man­i­fes­tazione, che lo scor­so anno tenne ban­co per un solo week­end, è la pri­ma, impor­tante novità. Per il resto, non cam­bia il part­ner isti­tuzionale sot­to la cui bandiera va in por­to l’evento, ovvero la Direzione Gen­erale Agri­coltura del­la , che con­fer­ma così la forte atten­zione nei con­fron­ti di un set­tore che negli ulti­mi anni ha davvero com­pi­u­to pas­si da gigante, affer­man­dosi come com­par­to di rifer­i­men­to per i seguaci del­la filosofia del cibo non solo buono ma anche eti­co e puli­to. Nè cam­bia l’obbiettivo del­la man­i­fes­tazione, che res­ta quel­lo di invitare con­suma­tori, gour­mand e sem­pli­ci appas­sion­ati a sco­prire quale sia il val­ore aggiun­to che le pro­duzioni bio­logiche pos­sono apportare nel piat­to. Pro­duzioni che, come lo scor­so anno, saran­no rig­orosa­mente cer­tifi­cate e for­nite da un pool di aziende selezion­ate tutte ader­en­ti a “La Buona Ter­ra”, e poi elab­o­rate dagli chef dei vari locali in una serie di menù spe­ciali in degus­tazione per l’intera dura­ta del­la manifestazione.“Siamo feli­ci di pot­er ripro­porre anche nel 2009 un even­to enogas­tro­nom­i­co di ques­ta por­ta­ta – spie­ga Sil­vano Delai, pres­i­dente dell’associazione-. Il nos­tro scopo res­ta sem­pre lo stes­so: ricor­dare a tut­ti che l’agricoltura bio­log­i­ca è diver­sa per­ché non prevede l’uso di veleni e sostanze chimiche di sin­te­si, rispet­ta la fer­til­ità dei suoli, tutela l’ambiente e la sua diver­sità anche attra­ver­so il rifi­u­to degli Organ­is­mi Geneti­ca­mente Modificati”.I ris­toran­ti che pro­por­ran­no il menù spe­ciale di “Bio in Tavola” sono Anti­ca Casci­na San Zago di Salò (Bs), Ris­torante Due di Moro di Gar­done Riv­iera (Bs), Trat­to­ria La Mela di Bot­ti­ci­no (Bs), Casci­na Brug­no­la di Rez­za­to (Bs), Caf­fè la Crepa di Iso­la Dovarese (Cr), Villi­no d’Erica di Val­brem­bo (Bg), Ris­torante Sul­li­van di Ponte San Mar­co (Bs), Ris­torante San­ta Giu­lia di Tim­o­line di Corte Fran­ca (Bs), L’Arcimboldo di Sirmione (Bs), Ris­toh­sawa di Gian­i­co (Bs), Dis­pen­sa Pani e Vini di Tor­bia­to di Adro (Bs), Il Volto di Iseo (Bs) e Oste­ria delle Streghe di Bres­cia, Asso­ci­azione Enogas­tro­nom­i­ca Bio­heav­en di Lona­to (ma solo dal 3 al 6 dicem­bre), Trat­to­ria La Madia Brione (Bs) Ris­torante veg­e­tar­i­ano Arcobaleno Bres­cia (solo nei week­end), La Meri­adi­ana a Pieve San Gia­co­mo (Cr) Hostaria Vio­la a Cas­tiglione delle Stiviere (Mn), La Can­ti­nel­la di Maner­ba del  Gar­da (Bs) e Trat­to­ria Al Biv­io di S. Eufemia (Bs)Alla man­i­fes­tazione col­lab­o­ra­no anche due impor­tan­ti realtà del­la gas­trono­mia bres­ciana come l’Arthob, l’associazione di ris­toran­ti e delle trat­to­rie bres­ciane, e la sezione bres­ciana del­la Fed­er­azione Ital­iana Cuochi Bres­cia. Per infor­mazioni e preno­tazioni, si può con­sultare il blog biointavola.org, dov’è disponi­bile non solo l’elenco aggior­na­to dei ris­toran­ti con i con­tat­ti per le preno­tazioni ma anche la lista delle aziende for­ni­tri­ci di materie prime.