Al via Italia in Rosa. Consorzio Valtènesi, un progetto per studiare il Chiaretto

Di Luigi Del Pozzo

Prende il via, domani ven­erdì 6 giug­no, la 7a edi­zione di “Italia in Rosa”, la rasseg­na ded­i­ca­ta ai — Rosati — Rosè  e pro­mossa dal che investe per appro­fondire la conoscen­za del più rap­p­re­sen­ta­ti­vo del ter­ri­to­rio. Questo il sen­so del­la ricer­ca real­iz­za­ta part­ner­ship con il Cen­tre du Rosè del­la Proven­za par­ti­to nei giorni scor­si. I pri­mi risul­tati saran­no pre­sen­tati ad Italia in Rosa 2015.

E’ un prog­et­to di ricer­ca sen­za prece­den­ti nel mon­do dei rosè ital­iani: uno stu­dio sul­la carat­ter­iz­zazione dei Chiaret­ti per il quale il Con­sorzio Valtè­ne­si ha deciso di coin­vol­gere il più accred­i­ta­to pun­to di rifer­i­men­to del mon­do per lo stu­dio su queste tipologie.

Il nos­tro obbi­et­ti­vo per il 2014 è quel­lo di con­cen­trare tutte le nos­tre energie sul Chiaret­to – spie­ga il pres­i­dente del Con­sorzio -. Nasce da qui l’accordo tri­en­nale di col­lab­o­razione con il Cen­tre de Recherche et d’Expèrimentation sur le vin rosè di Vidauban, in Proven­za, che ha come obbi­et­ti­vo quel­lo appro­fondire le nos­tre conoscen­ze sul pro­fi­lo attuale dei Chiaret­ti del­la Valtè­ne­si, attra­ver­so una descrizione accu­ra­ta delle carat­ter­is­tiche cro­matiche, olfat­tive e gus­ta­tive dei prodotti”.

Lo scopo pri­or­i­tario di ques­ta ricer­ca, spie­ga anco­ra il pres­i­dente, “è quel­lo di offrire ai soci del Con­sorzio un quadro di rifer­i­men­to per ori­entare la pro­duzione, ma anche arrivare a definire dei descrit­tori carat­ter­iz­zan­ti che ci aiuti­no a comu­ni­care meglio questo vino. E’ impor­tante per noi rac­con­tare al con­suma­tore l’identità di un vino ormai lon­tano dai luoghi comu­ni del pas­sato e pron­to ad accettare la sfi­da dei mer­cati contemporanei”.

Ad affi­an­care questo per­cor­so di appro­fondi­men­to, un’ulteriore inizia­ti­va con­sor­tile “inter­na” che ha già pre­so il via a set­tem­bre 2013 con una degus­tazione di 30 Chiaret­ti, che ver­ran­no rias­sag­giati in pri­mav­era ed in autun­no: in entram­bi i casi, i pri­mi risul­tati saran­no mate­ria di dis­cus­sione nell’ambito dell’edizione 2015 di Italia in Rosa.