domenica, Giugno 16, 2024
HomeAttualitàAlberghi, nuove regole Via alla mappa rumori
Le decisioni dell’ultimo consiglio comunale

Alberghi, nuove regole Via alla mappa rumori

Nuove norme per gli alberghi e nuova mappa per prevenire l’inquinamento acustico a Moniga. Le decisioni sono state prese nel corso dell’ultimo consiglio provinciale su proposta della giunta presieduta dal sindaco Massimo Pollini. Oltre al bilancio preventivo 2004, infatti è toccato all’assessore Dester illustrare il progetto di classificazione acustica del territorio. «Il provvedimento – spiegano in comune – si inquadra nel più vasto piano di revisione generale degli strumenti acustici urbanistici e di gestione del territorio, attualmente in corso. Le finalità di zonizzazione acustica possono essere così sintetizzate: conoscere le cause di inquinamento acustico presenti sul territorio comunale; prevenire il deterioramento di zone non inquinate dal punto di vista acustico; risanare le zone dove attualmente sono riscontrabili livelli di rumorosità ambientale che potrebbero comportare effetti negativi sulla salute della popolazione». In pratica gli intenti del comune sono quelli di coordinare la pianificazione urbanistica con le esigenze di tutela della salute degli abitanti. La zonizzazione permetterà anche di scoprire eventuali zone troppo rumorose che andranno poi risanate anche attraverso provvedimenti del sindaco che può ordinare il ricorso temporaneo a speciali forme di contenimento o di abbattimento delle emissioni sonore, compresa l’inibizione parziale o totale di determinate attività. Nel corso del consiglio comunale è toccato ancora una volta all’assessore Dester presentare le nuove norme riservate alle zone alberghiere. Un tema, vista la vocazione del centro della Valtenesi, di grande attualità per gli operatori turistici. L’assessore ha precisato che per favorire il miglioramento e la funzionalità delle attività, senza consumo di territorio, è stata introdotta una norma che consente agli edifici destinati ad attività alberghiera classica un ampliamento fino al 40% del volume esistente, per necessità di adeguamento e potenziamento dei posti letto, sempre con camere tradizionali. L’incremento volumetrico è comprensivo di eventuali ampliamenti precedentemente effettuati, nell’arco di vigenza dell’attuale piano regolatore generale. L’altezza massima realizzabile è di 3 piani fuori terra, a livello dei solai esistenti. Gli interventi sono ovviamente soggetti al piano attuativo.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video