giovedì, Giugno 13, 2024
HomeAttualitàInghilterra e Scandinavia nuovi obiettivi del Garda
Incomincia la promozione unica del bacino turistico

Inghilterra e Scandinavia nuovi obiettivi del Garda

Il Garda punta ai mercati turistici anglosassoni e scandinavi. Sarà mirata al potenziamento della promozione verso questi bacini dalle potenzialità ancora poco sfruttate l’azione del “Progetto interregionale” per il turismo gardesano, l’innovativo programma di sviluppo unitario del Benaco che può contare su cospicui fondi ministeriali stanziati nell’ambito della legge quadro nazionale sul turismo. Nel palazzo municipale di Garda, sponda veronese, si sono riuniti per un primo incontro di carattere tecnico i soggetti che siedono al tavolo di concertazione istituito tra Regioni e Province e aperto alle forze imprenditoriali del bacino gardesano. Per la riviera bresciana erano presenti, con l’assessore provinciale al Turismo Ermes Buffoli, il presidente della Riviera dei Limoni, Chicco Risatti, il presidente degli operatori della Valtenesi, Rigetti e il presidente degli operatori del basso lago, Filippo Fernè. Le forze imprenditoriali del Garda trentino erano invece rappresentate dalla Trentino Spa (società subentrata all’Apt), quelle veronesi dal Consorzio Riviera degli Ulivi. «È stato dato avvio – spiega l’assessore Buffoli – al repertoriamento dei dati riguardanti i flussi dei mercati verso cui sarà rivolta l’azione promozionale del progetto. È il primo passo per individuare con precisione le azioni mirate che si dovranno compiere. Tra queste andrà sicuramente previsto un coinvolgimento delle società aeroportuali per la predisposizione di pacchetti turistici e itinerari». Si darà inoltre il via ad uno studio per la produzione di materiale promozionale unitario, che tutti i soggetti coinvolti nel progetto si impegnano poi a veicolare. Ricordiamo che in Lombardia sono 3 i progetti interregionali accolti dal Ministero delle attività produttive e finanziati con 6 milioni e 300mila euro, stanziati nel 2003 e utilizzabili nel 2004. Due di questi interessano la Provincia di Brescia, uno l’Adamello e l’altro, appunto, il lago di Garda. Per quest’ultimo sono stati stanziati quasi 5 milioni di euro: 2milioni e 100mila messi a disposizione dalla Regione Lombardia; 1 milione e 235mila dal Veneto; 1 milione e 582mila dalla Provincia autonoma di Trento. Si tratta di risorse certe, già stanziate, che tra l’altro saranno implementate annualmente. Al tavolo riunitosi ieri spetta proprio il compito di programmare la gestione di questi fondi, che in base alle direttive ministeriali potranno essere utilizzati in tre ambiti differenti: interventi strutturali e infrastrutturali; azioni di qualificazione e riqualificazione delle risorse professionali; iniziative di promozione. Sul Garda si comincerà proprio da quest’ultimo settore, basilare per l’industria del forestiero. Il tavolo di lavoro si riunirà nuovamente nel giro di un paio di settimane. Il prossimo appuntamento è fissato per mercoledì 10 marzo presso il palazzo dei congressi di Sirmione. «È un progetto di grande portata – hanno affermato i partecipanti -, un’occasione straordinaria per il lago di Garda, dove finalmente si è giunti alla creazione di un vero “sistema” di gestione e promozione dell’industria delle vacanze, un sistema che supera la frammentazione ancora insita nel sistema turistico del più grande lago italiano».

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video