lunedì, Giugno 24, 2024
HomeAttualitàCon «Pensieri» rivive la poesia di Tedeschi
Presentata a Palazzo Benamati la raccolta di versi di una figura indimenticata e indimenticabile. Il Primo Maggio il Comune consegnerà un premio di letteratura a lui intitolato

Con «Pensieri» rivive la poesia di Tedeschi

Ieri mattina, a Palazzo Benamati a Toscolano, è stato presentato «Pensieri», il libro che contiene le poesie di Bruno Tedeschi, scomparso nel dicembre 2002 a 75 anni. Impiegato per quarant’anni nella cartiera locale (adesso di proprietà della vicentina Marchi), Tedeschi ha sempre avuto la passione di «buttar giù» versi. Numerosi i premi ricevuti: il «Giorgio La Pira» a Firenze, «Il Nettuno» a Bologna, il «Città di Vienna» «Il globo d’oro» a Roma, il «San Valentino» a Terni, «anima infinita» ancora a Terni. E poi i riconoscimenti del governo argentino e del Magnifico rettore dell’Università di Seul. Nel ’94 gli amici lo hanno candidato al Nobel. «Le fabbriche non uccidono l’anima – ha detto il sindaco Paolo Elena – e Bruno ha sempre coltivato l’amore per la scrittura. A lui intendiamo intitolare un premio della letteratura da consegnare a un giovane il 1 maggio, in occasione della Festa dei lavoratori. Un’idea modesta, la nostra, ma significativa. E gli dedicheremo una sala del museo della carta, nella valle delle cartiere». Antonio Fontana, della Associazione lavoratori anziani, ha aggiunto che «Tedeschi è una figura forte, ricca di bontà e serenità. Qualcuno potrebbe criticare la prolissità delle sue liriche, ma lui desiderava sviscerare compiutamente il tema trattato. Forse non è stato apprezzato come meritava. Il nostro è un ricordo spontaneo e sincero. Ringraziamo Aldo Marchi, presidente della cartiera, per la generosità disponibilità». Il professor Antonio Foglio: «Ho ripensato al grande entusiasmo con cui Bruno mi offriva la sua ultima poesia. Scorrendo la raccolta, emergono le sue qualità. La sensibilità, la capacità di comprendere gli affetti, le emozioni, i sentimenti, la bellezza, di sentire l’amore, la gioia, la pietà, l’amicizia. E poi descrivere la natura in modo delicato, come qualcosa da vivere. Senza trascurare la tenerezza dei ricordi, e verso i bambini. Tedeschi era autodidatta. La poesia è sogno, illusione, e anche se aveva dovuto mettere presto i sogni nel cassetto, al riparo dalle bombe che cadevano nella guerra, e accettare un posto tranquillo e sicuro, è sempre stato di un temperamento appassionato». E, andato in pensione, ha dato libero sfogo alla sua passione. E dopo la lettura di alcuni brani da parte di Carlo Pardi, messo comunale e celebre attore, Aldo Marchi ha concluso affermando che «ci sono persone il cui ricordo rimane intenso, e non si cessa di rimpiangerne la scomparsa. La cordialità e il tratto umano di Bruno Tedeschi rivivono in questi versi, scritti spesso in occasione di escursioni e gite, facendosi interprete di sentimenti collettivi».

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video