giovedì, Aprile 18, 2024
HomeAttualitàConsegnato a Gaetano Benati il Samaritano 2016

Consegnato a Gaetano Benati il Samaritano 2016

Nel mezzo di un concerto natalizio eseguito magistralmente nella chiesa parrocchiale dal complesso dei fisarmonicisti “ Città di Verona” diretto dal maestro Luciano Brutti, è stato assegnato il premio Il Samaritano di Lazise promosso dall’AIDO lacisinese. Settima edizione con un protagonista di eccezione. Il dottore Gaetano Benati, lacisiense doc anche se da alcuni anni vive ed esercita la professione di medico a Bardolino.

Ad assegnare la VII^ edizione del premio al cofondatore dell’associazione AMO Baldo-Garda Miky De Beni è stata una speciale commissione che all’interno dell’AIDO ha vagliato le varie candidature pervenute entro la fine di ottobre scorso.

La scelta è stata unanime verso Gaetano Benati che da molti anni oltre ad esercitare la professione di medico di base a Bardolino si occupa del coordinamento della associazione con i numerosi volontari che si recano a domicilio nel comprensorio del Baldo-Garda per la cura ed il sostegno agli ammalati oncologici terminali.

Ha consegnato il premio, una pergamena ed una medaglia d’oro, il sindaco di Lazise Luca Sebastiano collega medico di Gaetano Benati. Con lui il presidente dell’AIDO provinciale Angelo Grassi nonché il sindaco e cofondatore con Benati dell’Amo Ivan De Beni, sindaco di Bardolino.

“La scelta è stata unanime e condivisa – ha spiegato Giovanni Faccioli, presidente del gruppo AIDO Simone Gelmetti di Lazise – perchè Benati è molto conosciuto nel nostro comprensorio e la sua dedizione al malato oncologico è totale e gratuita. Non da meno gli infermieri volontari che sono coordinati da lui. Una istituzione che va gratificata per ogni sua azione.”

“Sono commosso e felice che l’AIDO abbia assegnato a l’amico e collegato Tano Benati questo premio – ha soggiunto il sindaco di Laizise – perchè so quello che fa, sovente ci ha visto assieme ad assistere amici che oggi non ci sono più. Scelta speciale e premio più che meritato.”

“La donazione degli organi posto mortem è una azione di altruismo e generosità assoluta – ha sottolineato il presidente provinciale Grassi – e manifestazione come questa valorizzano la donazione e consentono alla nostra associazione di dare valore a questo gesto, quindi di recuperare nuovi soci.Ne abbiamo molto bisogno.”

“Con Gaetano Benati abbiamo fondato l’AMO Baldo Garda – ha soggiunto Ivan De Beni – e lo ritengo un mio fratello maggiore. Con lui ho scambi giornalieri sia di opinioni che di azione. Sono commosso per questo premio che tutta Lazise ha voluto tributare a Tano. Uomo schivo, professionalmente preparato, generoso, altruista e sempre pronto a fare il medico con passione e con la missione propria di chi deve “ salvare” il prossimo.”

Dopo la consegna del premio Benati ha timidamente ringraziato ed ha posto in risalto la forte azione dei volontari nella loro quotidiana missione negli interventi domiciliari ai malati oncologici e terminali.” Ritengo che questo premio sia un riconoscimento più che alla mia persona – ha evidenziato Tano Benati – alla associazione cui appartengo e dove opero con convinzione e con lo spirito missionario di ogni medico.”

A conclusione del concerto sono stati raccolti dei fondi  da parte del folto pubblico presente ed attraverso l’AIDO sono stati immediatamente consegnati all’AMO Baldo-Garda a sostegno delle loro attività sociali.

 

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video