domenica, Luglio 21, 2024
HomeAttualitàCrisi e turismo: la navigazione resta in attivo
Agosto record per i 28 natanti che operano sul Garda, mentre la flotta sebina fa il pieno. Il 2009 chiuderà il bilancio della navigazione pubblica sui laghi bresciani in attivo. È il segno di un ritorno a vedere i laghi dal lago.

Crisi e turismo: la navigazione resta in attivo

Un agosto «record» quanto a passeggeri rimpingua il bilancio, provvisorio, della stagione della navigazione pubblica sul lago di Garda. Nell’anno della crisi economica, della recessione e del calo dei consumi per le 28 imbarcazioni della flottiglia Navigarda una flessione quanto a numero di passeggeri era largamente attesa. Tuttavia a due mesi dalla chiusura della stagione i conti risultano soddisfacenti, tenuto conto della situazione economica complessiva, anche se sono leggermente il flessione rispetto al 2008. È questa l’indicazione che arriva dall’ing. Marcello Coppola direttore d’esercizio della Navigarda che ha sede a Desenzano e gestisce il servizio di trasporto sul più grande lago italiano. «In agosto abbiamo registrato un vero e proprio boom di passeggeri sulle nostre navi, aliscafi, battelli, catamarani – conferma Coppola – l’agosto 2008 era stato un mese record. Ebbene quest’anno abbiamo fatto meglio. E ciò dice quanto la crisi economica e dei consumi abbia modificato le abitudini, nel nostro caso relativamente alle vacanze. Queste sono state concentrate nell’unico mese in cui praticamente si ferma tutto e ciò spiega gli ottimi risultati segnalati non solo dalla Navigarda, ma anche dalla strutture turistiche e dai settori collegati come esercizi pubblici e commercio. È risultato un agosto record anche perché il tempo ci ha favoriti con sole, temperature elevate e non si sono mai viste pioggia e nuvole. L’incremento dei passeggeri di agosto ha in parte compensato un andamento non favorevole della prima parte della stagione con giugno piovoso e luglio fiacco. Se devo tracciare un bilancio a fine agosto dico che i risultati saranno leggermente inferiori a quelli dello scorso anno quanto trasportammo 2.312.000 persone». I conti definitivi saranno fatti solo a fine anno perché la stagione della navigazione pubblica sul Garda è ancora lunga. Per tutto il mese di settembre si viaggia a orario pieno e poi si proseguirà per tutto il mese di ottobre con un sostanzioso numero di corse. Solo a novembre si conclude il servizio stagionale e si entra nel periodo in cui larga parte delle 28 navi della flotta rientrano in porto e le corse attive anche nei mesi invernali sono quelle relative ai traghetti. La gestione governativa non ha in programma la costruzione di nuove imbarcazioni per il Garda. Gli ultimi due acquisti sono stati nel 2007 la motonave Andromeda, nuova ammiraglia della flottiglia con i suoi 700 passeggeri ed uno stile da «love boat» del famoso telefilm americano e lo «Sparviero», arrivato nel 2008, capace di trasportare 132 persone. Anzi le navi in servizio che erano diventate 28 nel 2008 si sono ridotte a 27 perché la motonave Baldo è andata in pensione in questi mesi. Così sul Lago d’Iseo Per la Navigazione Lago d’Iseo il 2009 sarà un anno da non dimenticare visto il successo di passeggeri, turisti italiani e stranieri e di pendolari che da gennaio a fine agosto hanno utilizzato le 14 navi e battelli della flotta che naviga sul Sebino. Oltre un milione di passeggeri, circa il 4% in più rispetto all’anno scorso, hanno utilizzato le motonavi e i battelli della Navigazione che ha offerto, durante tutto il periodo estivo, gran soirèè con cena a bordo sulle motonavi «Città di Brescia» e «Città di Bergamo», il famoso giro delle tre isole quali S. Paolo, Monte Isola e Loreto, ma anche crociere che i turisti d’oltralpe hanno apprezzato molto, soprattutto perché si poteva cenare a bordo e scoprire così la cucina lacustre al suono di romantiche canzoni e musiche piacevoli. «Il mese di agosto – fa notare il presidente della Navigazione, Pier Giuseppe Ziliani – sulle nostre navi sono saliti ben 230mila passeggeri e questo non può che farci piacere considerato che, in un periodo di crisi, molti vacanzieri hanno preferito vacanze brevi sul Sebino senza rinunciare al piacere di compiere una crociera sul lago d’Iseo». Il presidente Ziliani, da cinque anni alla guida della Società, non nasconde però la volontà di cambiare in meglio l’offerta turistica, partendo dall’ammodernamento della flotta. «La nostra flotta – fa notare Ziliani – è composta da 14 navi e battelli, alcuni dei quali hanno già operato sul Sebino per oltre cinquant’anni. L’unico problema resta l’esigenza di riammodernare la flottiglia». e.m./t.m. Sul Lago di Garda e sul Sebino opera una flotta considerevole di natanti adibiti al servizio pubblico. In questa pagina abbiamo delle foto suggestive che mostrano natanti delle due diverse sponde: in alto un aliscafo sul Garda; a fianco: i traghetti del Benaco e sotto un doppio attracco sulle sponde del Sebino. Sotto: due unità fresche di varo: la Costa Volpino del Sebino e la motonave Andromeda che presta servizio sul Garda

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video