giovedì, Aprile 25, 2024
HomeAttualitàPosti barca, nel sorteggio più spazio per i residenti
Dopo sei anni verranno finalmente riassegnati gli ormeggi per l’attracco delle imbarcazioni

Posti barca, nel sorteggio più spazio per i residenti

Stavolta niente proroga: l’estrazione a metà dicembre Gli attracchi per i residenti salgono dal 30 al 50 per centoA fine anno sarà nuovamente sorteggio. L’ufficio ecologia e ambiente del Comune di Desenzano sottoporrà nella riunione di lunedì la bozza definitiva del bando per l’assegnazione, regolata come sempre dalla sorte, dei 420 posti barca disseminati sui moli di Desenzano.L’ultima volta che l’operazione venne portata a termine, correva l’anno 2003: non mancarono le polemiche e qualche accenno di rissa dal momento che, proprio per l’accezione fortemente lacustre della cittadinanza, le richieste erano di molto superiori ai posti disponibili. In soccorso al Comune, ma soprattutto ai residenti, arriva quest’anno la nuova norma ministeriale che regola l’assegnazione dei posti barca su acque dolci: in passato il 30 percento dei posti doveva essere assegnato a chi, previa regolare richiesta, avesse la residenza all’interno del comune. Una percentuale «modificata» recentemente e incrementata fino al 50 percento per la soddisfazione dei desenzanesi che in questo modo possono vedere riconosciuta la loro «desenzanità», per una volta non subalterna alle esigenze del turismo che pure resta la principale fonte di reddito di Desenzano. Una «tegola» invece per quanti facevano di Desenzano il loro rifugio estivo.DOPO LA PROROGA dello scorso anno (l’ultima possibile a norma di legge), l’assegnazione dei posti barca avverrà come tradizione mediante sorteggio che dovrebbe essere calendarizzato attorno alla metà di dicembre: in controtendenza rispetto al terzo millennio, la sorte non avrà nulla a che fare con la tecnologia. Per garantire la trasparenza, il Comune preparerà tanti biglietti quante sono le richieste pervenute da quando, a inizio ottobre, verrà pubblicato il bando. Il sorteggio avverrà quindi con l’estrazione manuale da un contenitore di 420 biglietti, più alcuni che saranno messi in elenco come riserva, nel caso qualcuno dovesse rinunciare o disdire il posto barca prima del termine della concessione.Successivamente dal Comune avverrà l’assegnazione «fisica» del posto, che dovrà tenere conto necessariamente delle dimensioni del natante, variabili e quindi non adattabili a qualsiasi posto.Gli oltre 400 posti (distribuiti tra porto Vecchio, Diga, Zattera e porto di Rivoltella) sono da sempre un miraggio per tanti desenzanesi, oltre che fonte di guadagno per il Comune che si garantisce un introito consistente proporzionato alle dimensioni del natante «in sosta» sulle acque comunali. Nel precedente bando la tariffa era di 20 euro annue per ogni metroquadro occupato dalla barca. un «dato» che con ogni probabilità verrà rivisitato e aggiornato.NON CAMBIERÀ invece la durata della concessione. «Il posto sarà assegnato per un anno prorogabile dal comune fino a otto anni – assicura l’assessore Silvano Orio – . Per tutti gli altri parametri siamo ancora in fase di definizione dei dettagli, contiamo di portare questo bando nel prossimo consiglio comunale, quindi alcuni dettagli ancora non sono stati stabiliti. Senza dubbio l’aumento dei posti per i residenti, previsto dal Ministero, è un bel vantaggio per i desenzanesi».  

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video