Dicembre 2013

    0
    87

    Gienne_Dicembre_2013Non posso esimermi dall'augurare a voi e alle vostre famiglie, anche a nome dell'editore e dei collaboratori, un felice e sereno . Con tutto il cuore. Ma il mio cuore va anche a quelle notizie che riguardano le prospettive e il futuro del .

    Informazioni positive che ci dicono che, nonostante tutto, l'industria del forestiero nel 2013 ha tenuto, le presenze sul Garda bresciano hanno superato i 6 milioni (oltre 20 milioni su tutto il bacino gardesano) e che la ha tenuto bene nell'affluenza del pubblico trasportato. E ricordiamoci che in primavera abbiamo avuto quasi due mesi di piogge! Soprattutto, vedo che un'unità territoriale dell'area gardesana si va via via consolidando e sta iniziando a dare anche i primi, sostanziosi, frutti.

    Vedere poi che i massimi responsabili di alcune istituzioni gardesane, come presidente della e vicepresidente del Consorzio Lago di Garda Lombardia, vanno nelle scuole a incontrare gli studenti per parlare e dialogare con loro, in quanto protagonisti del domani, sul tema “Turismo: ieri, oggi e domani”… vuol dire che le prospettive stanno cambiando. Se poi aggiungiamo gli incontri istituzionali, fra Provincia di Brescia, Assessorato Turismo e Cultura, Camera di Commercio, Associazione Industriali Bresciani, sindaci dei comuni gardesani, seduti attorno a un tavolo per discutere del “Patto per il Garda” volto a valorizzare il territorio gardesano in vista di , ecco, tutto questo mi riempie di gioia.

    Il Garda è la nostra “casa”. Da sempre è considerato, a ragione, il “Crocevia d'Europa”, un crocevia pieno di attese e speranze per la Regione del Garda. Non è mai troppo tardi. E la luce, quella turistica, in fondo al famoso tunnel è accecante, piena di prospettive.

    A tutti voi, tanti auguri.

    Luigi Del Pozzo

    Gienne_Dicembre_2013_Web

    Versione Stampabile

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui