mercoledì, Giugno 19, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiGravi i danni ambientali causati dall'incendio
I carabinieri di Rovereto stanno concludendo le indagini sull'incendio che nel primo pomeriggio di martedì ha distrutto svariati ettari di bosco sulle pendici del monto Finonchio

Gravi i danni ambientali causati dall’incendio

I carabinieri di Rovereto stanno concludendo le indagini sull’incendio che nel primo pomeriggio di martedì ha distrutto svariati ettari di bosco sulle pendici del monto Finonchio. I sospetti già anticipati ieri sarebbero comunque confermati. Pare infatti che ad appiccare il fuoco sia stato qualcuno, forse non intenzionalmente ma ugualmente sufficiente a causare un disastro.Il fuoco è stato spento in circa sette ore dai circa cinquanta pompieri intervenuti nella zona tra Scottini di Terragnolo e Serrada di Folgaria. Il vento ha spinto le fiamme per qualche chilometro fino alle piste da sci che, in via precauzionale, sono state chiuse.I primi a raggiungere il posto sono stati i pompieri volontari di Terragnolo, seguiti a ruota da quelli di Rovereto saliti a Scottini con autobotti e mezzi più piccoli e agili, ideali per addentrarsi nei boschi. L’incendio, come detto, ha assunto subito proporzioni devastanti, tali da allarmare tutti i corpi volontari della Vallagarina. A turno sono arrivati sul fronte del fuoco anche i vigili di Folgaria, Calliano, Mori, Avio, Villalagarina, Brentonico, Besenello, Nomi, Volano Insomma, tutti i corpi del comprensorio dislocati sul territorio. Le fiamme hanno toccato le piste da sci, la Martinella e la Cogola che, nonostante non fossero molto frequentate, sono state ugualmente chiuse. La neve è comunque riuscita comunque a fermare il rogo ma le piante, perlopiù secche a causa delle scarse precipitazioni di questi mesi, sono risultate un boccone ghiotto per l’incendio. Volontari e permanenti, sostenuti dall’elicottero dei pompieri di Trento, si sono dati un gran daffare per evitare che le pendici del monte Finonchio venissero divorate da un fuoco assurdo. E assurdo lo è stato davvero visto che a scatenarlo, come già anticipato ieri, sarebbe stata la mano di qualcuno. Forse si è trattato di una banale sigaretta ma l’intervento del piromane non è stato escluso, anzi era l’ipotesi che circolava con più insistenza. I carabinieri, che indagano sull’episodio, non vogliono sbilanciarsi. La sensazione è che abbiano individuato l’eventuale responsabile anche se, ammesso che ci sia il piromane, nessuno l’ha visto materialmente appiccare il fuoco e quindi sarebbe difficilmente denunciabile.Per ora, il rapporto degli investigatori riporta ancora la dicitura “indagini in corso” e sapere di più, in questo momento, è pressoché impossibile.

Articolo precedente
Articolo successivo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video