sabato, Giugno 22, 2024
HomeAttualitàIl Garda prende il volo da Orio al Serio
Illustrato a palazzo del Turismo il collegamento con lo scalo bergamasco. I bus navetta dal 15 dicembre. Partenze anche da Sirmione e Peschiera

Il Garda prende il volo da Orio al Serio

Ora l’aeroporto bergamasco di Orio al Serio è più vicino al lago di Garda. Dal 15 dicembre, grazie ad un accordo raggiunto tra la società aeroportuale, l’azienda di trasporti Zani di Bergamo e i tre Comuni del basso Garda, Desenzano, Sirmione e Peschiera, inizierà il primo collegamento diretto con un bus-navetta. Al costo di 13 euro (24 per andata e ritorno) sarà possibile trasferirsi dall’imbarcadero di Desenzano o dal bivio di Colombare a Sirmione direttamente al check-in dello scalo bergamasco. Per ora sono previste due corse giornaliere di andata e due di ritorno. Partenza alle 7 da Desenzano (7,10 a Colombare e 7.20 alla stazione Fs di Peschiera), arrivo ad Orio al Serio alle 9. La seconda corsa è alle 13.30 (13.40 Sirmione e 13.50 Peschiera) con arrivo alle 14.10. Ritorno: 10.30 da Orio, arrivo alle 12.40 a Desenzano (12.20 Peschiera e 12.30 Sirmione). Infine, alle 15.15 dall’aeroporto ed arrivo a Desenzano alle 17.25 (17.05 Peschiera e 17.15 Sirmione). Ma il bus-navetta è destinato a vedere incrementato il numero di corse, in particolare nella prossima stagione estiva. È infatti in questa ottica che deve essere visto il nuovo servizio di trasporto che apre sicuramente delle interessanti prospettive di sviluppo nei collegamenti da e per la Germania e, più in generale, per l’economia turistica dell’intero bacino del Garda. Perché sia la società aeroportuale, presente ieri alla conferenza stampa con il suo direttore commerciale Giorgio Fassini, che l’azienda Zani, rappresentata da Giuseppe Di Pilato, hanno raccolto più di un dato confortante sull’esigenza di un trasporto diretto verso la riviera del Garda. Si tratta di dati ricavati da un’indagine di mercato e da un monitoraggio che hanno messo in luce in particolare la forte, crescente domanda di passeggeri, di compagnie e di tour operator della Germania. Che è, dopotutto, il serbatoio maggiore di presenze ed arrivi per l’industria turistica gardesana. Certo, l’iniziativa dello scalo bergamasco offre un’ulteriore testimonianza della sua capacità manageriale e dell’aggressiva campagna di allargamento e di potenziamento che sta portandeo avanti da almeno un paio di anni. Un paio di dati possono chiarire meglio come Orio al Serio si stia misurando ormai con i grandi scali italiani ed europei. Nel 2003 si è registrato un movimento complessivo di 43.700 aereomobili (nel 2002: 33.493). I passeggeri, nel 2002, sono stati 1.252.878, ma nei primi 10 mesi di quest’anno è stato già superato il tetto dei 2 milioni e 500 mila. A fine anno si ritiene che si supererà i 3 milioni. Lo scorso anno erano stati la metà (1.252.878). Alla presentazione al palazzo del Turismo di Desenzano erano presenti anche l’assessore al turismo Adelio Zanelli, il sindaco di Sirmione Maurizio Ferrari e il presidente degli Albergatori di Desenzano, Saverio Ziliani. Infine, altra buona notizia per chi sceglie il Catullo di Villafranca. L’Alitalia ha annunciato un nuovo volo diretto da Verona a Roma, tratta che aveva abbandonato negli anni Ottanta e sulla quale si è poi inserita Meridiana.

Articolo precedente
Articolo successivo
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video