martedì, Maggio 30, 2023
HomeAttualitàLa famiglia al centro dell'attenzione nella stagione 2017 del Parco Natura Viva...

La famiglia al centro dell’attenzione nella stagione 2017 del Parco Natura Viva di Bussolengo

Durante la sta­gione di chiusura è tor­na­ta una vec­chia conoscen­za al di Bus­solen­go: un mas­chio e una fem­mi­na di nandù sono arrivati da Duis­burg e han­no cos­ti­tu­ito il pri­mo mix-ehib­it (repar­to mis­to) del­l’area ded­i­ca­ta al Sudamer­i­ca insieme alla famiglia di tapiri. Il nandù è il più grande uccel­lo non vola­tore sudamer­i­cano e com­ple­ta, insieme agli struzzi africani, ai casuari del­la Nuo­va Zelan­da, e agli emù aus­traliani, la collezione zoo­log­i­ca ded­i­ca­ta ai gran­di uccel­li non vola­tori.
“All’inizio, tra le due specie c’è sta­ta un po’ di ten­sione — spie­ga Camil­lo San­dri, vet­eri­nario diret­tore tec­ni­co del Par­co Natu­ra Viva -. I tapiri non sem­bra­va volessero accettare intrusi nel loro repar­to, ma i nandù sono sta­ti molto bravi spo­stan­dosi sem­pre seguen­do le esi­gen­ze dei tapiri. Oggi con­di­vi­dono in repar­to in per­fet­ta armo­nia. Occu­pan­do spazi diver­si in alcu­ni momen­ti, ma restando anche in aree adi­a­cen­ti in altri”.
I mix-exhib­it sono con­cepi­ti per assi­cu­rare l’in­ter­azione tra specie diverse e aumentare il benessere degli indi­vidui ospi­tati.
E’ albi­no lo wal­la­by che ha fat­to capoli­no nei pri­mi giorni di feb­braio dal mar­su­pio del­la sua mam­ma, gri­gia come tutte altre fem­mine del­la colo­nia ospi­ta­ta al Par­co Natu­ra Viva di Bus­solen­go. Del pic­co­lo si intrave­dono appe­na il muset­to roseo e gli occhi rossi, che anco­ra si con­fon­dono tra il can­dore del pelo bian­co-lat­te. Ma se gen­eral­mente l’al­binis­mo è un fat­to raro e stra­or­di­nario, in questo caso c’er­a­no le pos­si­bil­ità che questo si man­i­fes­tasse: il mas­chio dom­i­nante del­la colo­nia di wal­la­by era esso stes­so albi­no.
“L’al­binis­mo è deter­mi­na­to­da un’anom­alia genet­i­ca che causa l’assen­za di pig­men­tazione e che in natu­ra non è con­sid­er­a­ta una carat­ter­is­ti­ca van­tag­giosa — , spie­ga Camil­lo San­dri. “Nel caso degli wal­la­by, il verde inten­so delle foreste aus­traliane di eucalip­to in cui vive ques­ta specie, non potrebbe
nascon­der­li dai preda­tori, ren­den­doli una pre­da sin trop­po facile”. Ecco per­ché nor­mal­mente si dis­tin­guono per avere un folto pelo che varia dal gri­gio al mar­rone, più chiaro solo sul­la pan­cia. Ma in un par­co zoo­logi­co anche un wal­la­by dal can­dore incon­fondibile può con­sid­er­ar­si al sicuro.
A com­pletare il mix-exhib­it con nandù e tapiri arriverà presto il formichiere gigante, una specie orig­i­nar­ia del Sudamer­i­ca e il cer­co cebo dal ven­tre dora­to, pri­mate che vive in Con­go. In spe­cial modo per il cer­co cebo dal ven­tre dora­to, le conoscen­ze sci­en­ti­fiche sono davvero scarse men­tre nel frat­tem­po, in natu­ra sta conoscen­do un decre­men­to.
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video