mercoledì, Maggio 29, 2024
HomeAttualitàL'assessore regionale della Lombardia, Gianni Fava, oggi sul Garda per le operazioni...
Fava: "semina passo fondamentale per salvaguardare la specie. Per 5 anni divieto di pesca su tutto il Garda

L’assessore regionale della Lombardia, Gianni Fava, oggi sul Garda per le operazioni di semina del Carpione

“Entro la fine dell’anno stileremo un accordo generale sul tema della pesca nel Garda. Oggi simbolicamente abbiamo presenziato all’immissione di questo primo lotto di carpione, pesce endemico che esiste solo qui. Invito le comunità locali a considerarlo un emblema del Garda, perché si pescava solo qui”. Lo ha detto l’assessore regionale all’Agricoltura Gianni Fava intervenendo oggi, a Gargnano (Bs) all’operazione di semina del Carpione nel lago di Garda. Specie endemica, presente unicamente nel lago di Garda, il carpione ha subito una forte contrazione tanto da essere considerato ‘in pericolo critico’, secondo la classificazione Iucn (Unione Internazionale per la Conservazione della Natura).

SFIDA PER IL RIPOPOLAMENTO

“La scelta e’ stata proprio quella di lanciare con questo esperimento la sfida al ripopolamento – ha sottolineato l’assessore abbiamo circa 40 mila esemplari pronti a essere immessi nel lago. Oggi abbiamo avviato questa sperimentazione per verificare il livello di accettabilità delle acque di questi pesci, sul carpione c’è un’antica tradizione che noi vogliamo torni ad essere tale”.
Per la tutela e conservazione di questo importante endemismo, tra il 2011 e il 2013 si è svolto un progetto finanziato da Regione Lombardia per sostenere le prime attività sperimentali di allevamento presso il centro ittiogenico del Garda a Desenzano, e presso un incubatoio ittico di valle a Tremosine.

IL CENTRO DI DESENZANO 

“A Desenzano  – ha ricordato Fava – il centro ittiogenico continua a svolgere la sua funzione come ha sempre fatto, solo l’egida della Provincia. Noi abbiamo già dichiarato la nostra disponibilità a sostenere il centro, che continua a dare esempio di buona efficienza. Se questo modello di studio e ricerca fosse stato mutuato su tutte le acque interne, oggi avremmo una situazione migliore  per quanto riguarda la presenza di pesce nei laghi. Sta migliorando la qualità, ma anche la quantità di pesce nei nostri bacini: questo perché l’uomo interviene, con modalità che vanno finanziate”.

PRIMO PASSO PER LA TUTELA

I risultati ottenuti a oggi hanno consentito la prima semina di 1.000 esemplari di 5/7 centimetri e 100 esemplari di 18/20 centimetri. La semina rappresenta una tra le più importanti operazioni nella storia delle attività ittiogeniche del Garda – ha sottolineato l’assessore Fava – e rappresenta il primo passo fondamentale per sostenere e salvaguardare il carpione del Garda”. I controlli non mancheranno, attraverso la polizia Provinciale, sulle diverse sponde. Va chiarito che resta e permane il divieto di pesca dell’anguilla, su cui apriremo nei prossimi  giorni  una finestra per fini sperimentali. Per il resto la qualità del pesce di lago e’ straordinaria”.

L’immissione e’ stata effettuata in un’area di frega naturale della specie, antistante il comune di Gargnano, in località S. Giacomo, con l’aiuto dei  tecnici supportati da Polizia Provinciale, pescatori di professione e un gruppo di subacquei della Fipsas di Brescia.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video