sabato, Maggio 25, 2024
HomeAttualitàA Lazise carabinieri a scuola per conferenza bullismo e cyberbullismo

A Lazise carabinieri a scuola per conferenza bullismo e cyberbullismo

Prevenzione e non repressione e conoscenza delle regole. Questo è il messaggio più importante che i carabinieri hanno voluto lanciare ai ragazzi delle scuole media di Lazise nel corso della conferenza che si è tenuta oggi presso l’aula magna dell’Istituto comprensivo Falcone-Borsellino di Lazise.
All’appuntamento, specificatamente voluto dalla dirigente scolastica Emanuela Antolini , erano presenti oltre ad alcuni docenti, circa 150 studenti delle tre classi della scuola secondaria.
A parlare ai ragazzi, accolti dalla docente Laura Donati, il maggiore Francesco Milardi , comandante della compagnia di Peschiera del Garda ed il maresciallo della astazione di Lazise Gian Luca Battaglia.
Milardi si è intrattenuto con gli studenti per evidenziare il mondo del disagio giovanile imperniato nel consumo di droghe, alcol, le azioni di bullismo e cyberbullismo, mirando in particolare ai recentissimi fatti di cronaca della Liguria e di Roma, legati proprio al mondo dei giovani e della scuola.
E proprio intorno a questi tema di forte attualità ha posto in evidenza la vicinanza delle istituzioni, delle  forze dell’ordine, nei rapporti intercorrenti fra la scuola, le famiglie, e la società, nel rispetto delle regole e delle leggi. La necessità del dialogo e della vicinanza intima fra la scuola e la famiglia.
Il maresciallo Battaglia ha invece portato ai ragazzi degli esempi pratici, legati ad episodi che hanno coinvolto ragazzi, in particolare coloro che hanno superato i 14 anni.” Essi – ha sottolineato Battaglia – sono responsabili delle loro azioni e quindi sono stati denunciati al tribunale dei minorenni di Venezia. I fatti più rilevanti ed eclatanti – ha concluso Battaglia – sono imputabili ad atti vandali e danneggiamento del patrimonio comunale.”
“E’ indispensabile che i ragazzi siano informati sulle regole, sul comportamento da tenere nella società e comunità – ha sottolineato la preside – ed è proprio per questo che la collaborazione fra scuola ed arma dei carabinieri è indispensabile.Una esigenza che è formativa ed informativa – ha concluso la preside – e che va incentivata, promossa, coordinata anche con i docenti e le famiglie. E proprio per questo ringrazio della disponibilità e strettissima collaborazione che da anni abbiamo intrapreso con l’arma dei carabinieri e con le realtà locali.”

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video