domenica, Giugno 16, 2024
HomeManifestazioniAvvenimentiLezioni di cucina benacense: un’idea «acchiappa turisti»
Esperimenti sulla sponda veronese

Lezioni di cucina benacense: un’idea «acchiappa turisti»

Un breve corso di cucina gardesana, riservato ai turisti. Si tiene ogni mercoledì a Lazise, fino a settembre. E’ organizzato dall’associazione «I ghiottoni» e dalla condotta Slow Food, in collaborazione col Gruppo italiano vini e l’Apt della Riviera degli Olivi. Il programma prevede l’arrivo dei partecipanti alle ore 10, alle cantine Lamberti. Dopo la visita guidata tra botti e barrique, alle 10.30 i due cuochi più noti della zona, e non solo (Flavio Tagliaferro della «Gardesana» di Torri e Isidoro Consolini del «Caval» di Torri), spiegheranno il modo migliore per preparare alcune ricette: trota in salsa, sardine in saor, gnocchi di patate con ragù di tinca, carne salada, fogassin sulla gradela. A mezzogiorno e mezzo, la degustazione dei piatti e di altre specialità lacustri, il tutto in abbinamento ai vini Lamberti e Santi, le due cantine Giv nel veronese. Le prenotazioni si raccolgono alla Gabritour di Garda, telefono 045-7255555 o 045-6270011 (fax 045-7255802). Quota di partecipazione: 70 mila lire. Sito Internet www.ighiottoni.it. Il turismo enogastronomico è argomento di attualità. E che richiama un numero sempre maggiore di persone. Dopo Trentino, Toscana e altre regioni, adesso anche la riviera orientale del lago passa dalla teoria alla pratica. Le lezioni si tengono in italiano, tedesco o inglese, in modo da avvicinare il numero più ampio possibile di vacanzieri. «I rapporti col Trinity college – spiega Peretti – portano a Verona studenti di… 40-50 anni. Frequentano i corsi di cultura italiana, e una sezione è dedicata alla cucina. Vedendo l’interesse degli stranieri per i nostri piatti, abbiamo deciso di partire con questa iniziativa. Ringraziamo il Gruppo italiano vini, l’Apt e la scuola di traduzioni Alba». Giuseppe Lorenzini, presidente dell’Unione albergatori, ha sottolineato la «possibilità di trascorrere una giornata diversa dal solito, in un luogo magico, conoscendo i prodotti locali, il gusto e gli abbinamenti». Tagliaferro, nel corso di una esercitazione riservata ai giornalisti, ha spiegato che persici, cavedani, trote, ecc. costituiscono una risorsa importante per la ristorazione (l’approvvigionamento è assicurato da un centinaio di pescatori). E che speziatura, salagione, essicazione e marinatura influenzano ancora il sapore finale degli ingredienti. Peretti ha concluso ricordando che «I ghiottoni» e Slow Food sono disponibili ad allestire anche tour gastronomici nei dintorni. La prima opportunità prevede la visita guidata a un oleificio, l’assaggio e il corso di cucina. Un secondo pacchetto è l’itinerario del riso a Isola della Scala, con la visita alla riseria Melotti e una degustazione in un agriturismo. Terza offerta, «il Parmigiano e la cucina mantovana», con una sosta in un caseificio virgiliano e poi un breve corso all’Opera Ghiotta.

Nessun Tag Trovato
Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video