domenica, Giugno 23, 2024
HomeAttualitàSos del sindaco Cipani
«Agenzie immobiliari e privati, destinate agli sfollati le case sfitte»

Sos del sindaco Cipani

Il sindaco di Salò, Giampietro Cipani, lancia un appello alle agenzie immobiliari e ai proprietari di case sfitte: «Bisogna cercare di ridurre in tempi brevi il numero degli sfollati e tornare il più in fretta possibile alla normalità. Esiste un’indennità di autonoma sistemazione (Ias), il cui importo sarà stabilito in sede di approvazione dell’ordinanza della Presidenza del Consiglio. Dovrebbe aggirarsi su 300-400 euro mensili per ogni nucleo familiare costretto a reperire un appartamento. Questo consentirà a chi vive in albergo, da parenti o amici di trovare una sistemazione in affitto. Invitiamo inoltre le immobiliari a mettere a disposizi- one le case. Qualche privato si è già presentato, affermando di essere disposto a dare una mano». La giunta comunale, dopo avere reperito nelle pieghe del bilancio 130 mila euro per far fronte alle necessità urgenti, ha deliberato di rinviare al 31 gennaio il pagamento delle rette e dei pasti nelle scuole (con una riduzione di un terzo della tariffa del nido) e dell’Ici. Si è anche deciso di applicare la tariffa massima per il condono relativo a irregolarità edilizie. Al municipio di Salò l’emergenza costa circa 15 mila euro al giorno. Necessario, quindi, trovare nuove fonti di finanziamento, sperando che i quattrini del Pirellone e del Governo (20 milioni di euro per tutta la zona) non arrivino troppo tardi. Per quanto riguarda l’Ici, Cinzia Goffi ha chiesto un esonero e/o riduzione, in base ai danni effettivamente subiti. L’e- sponente dei Ds ha inoltre suggerito di tenere un’altra riunione del consiglio entro il 15-18 dicembre, di elaborare una convenzione con l’Asm per la fornitura di gas finalizzato alla riduzione dell’importo da pagare e/o alla rateizzazione del dovuto, di istituire un comitato tecnico politico istituzionale che affronti il problema dell’emergenza mettendo in campo i canoni convenzionati (previo sgravi fiscali ai proprietari) e firmando un protocollo d’intesa con le principali imprese edili della zona per calmierare il costo degli interventi di risanamento. Intanto il Centro sociale ha ripreso l’attività. Creato anche un servizio psicologico, per far fronte alla richiesta di aiuto da parte di chi accusa disturbi legati alla terribile scossa di terremoto. Sabato e domenica gli operatori non saranno presenti, ma risponderanno al numero 320-4320093. Ieri ha ricominciato il Liceo Fermi. Gli studenti sono ospitati al Battisti (diventato il faro di ogni attività), al pomeriggio, dalle 13.30 alle 18. Lunedì riapriranno le altre scuole ancora ferme, a eccezione della materna «Paola di Rosa», che ripartirà solo mercoledì 9 dicembre. Margherita Peroni, presidente della V Commissione territorio, ha presentato una mozione per impegnare la Giunta regionale a monitorare la situazione, mettere a disposizione tutte le strutture necessarie, individuare in tempi brevi finanziamenti adeguati e richiedere al Governo lo stanziamento di risorse che consentano una rapida ricostruzione.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video