sabato, Marzo 2, 2024
HomeAttualitàSpiagge, sapore di sabbia
Singolare iniziativa sul litorale dal Torchio alla Romantica. Addio ai sassi, macinati per la gioia dei bagnanti

Spiagge, sapore di sabbia

Le spiagge di Manerba si preparano a dire addio ai propri sassi: dalla prossima estate, bagnanti e turisti che scelgono il centro valtenesino per le loro vacanze potrebbero venire più dolcemente accolti da una simil-sabbia fatta di minuscoli sassolini, della grandezza non superiore a cinque millimetri. È la nuova iniziativa annunciata dall'amministrazione comunale manerbese, sempre più lanciata nel consolidamento della vocazione turistica del noto centro balneare rivierasco: l'esperimento partirà in fase sperimentale sul tratto di litorale che dal Torchio conduce alla Romantica, manco a farlo apposta quello più battuto dai turisti nei mesi estivi. La Giunta Bertini ha accettato di sperimentare una nuova macchina che a quanto sembra sarebbe in grado di ridurre letteralmente in fine sabbiolina il tipico tappeto sassoso delle spiagge gardesane: se le prime prove saranno soddisfacenti, si procederà alla triturazione dei sassi di tutte le spiagge più frequentate del comprensorio manerbese. Insomma, anche per la balneazione lacustre si apre una nuova era: basta con i patetici saltellamenti, i bagni di sole in stile fachiro e le uscite dall'acqua alla Fantozzi, avanti con il pieno relax e le lunghe passeggiate sul bagnasciuga, proprio come si fa a Rimini. Non è del resto questa l'unica novità che sembra avvicinare il modello balneare gardesano, così come concepito da Manerba, a quello romagnolo: la triturazione dei sassi infatti non è che la proposta più curiosa in un vero e proprio «pacchetto balneazione» del quale si è discusso nell'ultimo consiglio comunale che ha approvato la costituzione di una Srl denominata «Manerba Servizi Turistici». Una vera e propria agenzia alla quale verrà demandata la gestione di vari servizi e la creazione di nuove opportunità di sviluppo del turismo nonchè di reddito per le casse comunali. Sulle spiagge, arriveranno anche i servizi igienici pubblici (già sperimentati lo scorso anno), e la sicurezza verrà garantita nei mesi di luglio ed agosto da un piccolo plotone di esperti bagnini (anche questi una vera novità per il Garda). La riorganizzazione dei campi boe garantirà inoltre la creazione di aree protette per la balneazione, e chi uscirà in motoscafo verrà dotato di un ricevitore satellitare che consentirà un costante contatto con i vigili di Valtenesi Sicura, tra i cui compiti rientrerà anche quello di pattugliare le coste in motoscafo. «La macchina che verrà sperimentata sui nostri litorali prevede come prima cosa un processo di pulizia della spiaggia e di selezione dei sassi – spiega il sindaco -. Nella sostanza i sassi di maggiori dimensioni verranno posizionati in modo che facciano da base alla «sabbiolina» ottenuta dalla triturazione degli altri sassi più piccoli». Nessun possibile intoppo legislativo o giuridico in questo processo? «Abbiamo verificato: sembra proprio non esistano leggi o normative che impediscono di macinare sassi». Avanti tutta allora: staremo a vedere i risultati.

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Dello stesso argomento

- Advertisment -

Ultime notizie

Ultimi Video