domenica, Giugno 16, 2024
HomeAttualitàUna medaglia d’oro all’alpino-scrittore
Prestigioso riconoscimento al professor Vittorio Bozzini, reduce dalla Russia

Una medaglia d’oro all’alpino-scrittore

Vittorio Bozzini, il reduce della Russia, preside e scrittore, ora porta appuntata sul petto la medaglia d’oro della sezione provinciale degli alpini per il contributo che ha dato con i suoi racconti a tener vivo il ricordo della tragedia di Nikolajevka. Una medaglia voluta da tutto il consiglio dell’Ana per sottolineare l’importanza dei suoi scritti, raccolti nel libro «Neve rossa», da poco ristampato a cura degli alpini di Lazise, che sta conquistando l’interesse delle penne nere non solo veronesi. La consegna della medaglia, come anticipato nell’edizione di ieri, è avvenuta domenica al cinema K2 di Verona, durante l’assemblea annuale della sezione dell’Associazione nazionale alpini. Ad accogliere sul palco il professor Bozzini è stato il capogruppo sezionale Alfonsino Ercole alla presenza di un folto parterre di autorità, fra cui il sindaco di Verona Paolo Zanotto, e davanti a una platea di penne nere rappresentanti i gruppi della provincia. Gli applausi all’indirizzo dell’alpino Bozzini sono stati calorosi e lunghissimi. La commozione del professore era evidente. Da uomo schivo e tutto d’un pezzo non ha proferito parola portando con sé, nel suo intimo, ogni emozione, analogamente a quanto vissuto nell’immane tragedia russa. Solo la sua abile penna è riuscita a far trasparire parte dei ricordi più intimi raccontando le pagine della guerra, la storia vissuta fra i ghiacci e nella steppa. «Avremo voluto che Vittorio Bozzini – spiega il capogruppo Carlo Parolini – fosse l’alpino dell’anno. Il consiglio provinciale ha invece preferito gratificare l’ex sindaco di Lazise, autore di “Neve rossa”, con una medaglia d’oro realizzata appositamente a titolo di perenne riconoscenza per il proprio sacrificio nella tremenda avventura russa e per la testimonianza che lo stesso ha lasciato ai posteri a ricordo dei tantissimi alpini che proprio in quella terra hanno lasciato la loro vita per la Patria». «Questa medaglia la dedico con tutto il mio animo e la mia infinita riconoscenza – sottolinea Bozzini – a quanti non sono più tornati e hanno colorato di rosso la neve con il loro sangue e con il loro più alto sacrificio». «Non è una riconoscenza alla mia umile persona – continua Bozzini – perché non amo onori, ma ribadisco, al ricordo perenne dei tanti alpini che nella morsa del gelo russo sono “andati avanti”».

Articoli Correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

In Evidenza

Dello stesso argomento

Ultime notizie

Ultimi Video