La Giunta ha già acquistato i parcometri da installare sul lungolago e alla Maratona

Addio parcheggi gratis

Parole chiave:
Di Luca Delpozzo
Maurizio Toscano

Soste gra­tu­ite addio per gli auto­mo­bilisti a Desen­zano. Tra pochi giorni, infat­ti, l’in­tera rete di parcheg­gi del cen­tro stori­co e del lun­go­la­go sarà sogget­ta al paga­men­to del­la tar­if­fa oraria. Sono già com­in­ciati i lavori di instal­lazione dei par­cometri che, pre­sum­i­bil­mente entro fine mese, entr­eran­no anche in fun­zione. La Giun­ta comu­nale gui­da­ta dal sin­da­co Cino Anel­li, al momen­to, non ha anco­ra fis­sato le tar­iffe. Ma res­i­den­ti e lavo­ra­tori occu­pati in attiv­ità e aziende del cen­tro sono in sub­buglio per­chè si vedran­no costret­ti sicu­ra­mente a sbor­sare parec­chie migli­a­ia di lire al giorno per posteggia­re le pro­prie vet­ture. Il Comune ha già stanzi­a­to qua­si 90 mil­ioni di lire per l’ac­quis­to e la mes­sa in opera dei par­cometri. I posteg­gi inter­es­sati dal futuro paga­men­to sono: piaz­za Fel­trinel­li, piaz­za Cap­pel­let­ti, lun­go­la­go Anel­li, parcheg­gio Mara­tona (attiguo alla ) e parcheg­gio Mara­tona a ridos­so del­la sede del­la Fraglia Vela. Resterebbe esclu­so, quin­di, l’al­tro grande parcheg­gio anti­s­tante la e la Carip­lo. Il rap­p­re­sen­tante del­la Lega nord, Rino Pol­loni, intan­to ha chiesto uffi­cial­mente al sin­da­co l’ap­pli­cazione di agevolazioni per i res­i­den­ti, un po’ come accade a Sirmione dove, anzi, gli abi­tan­ti sono in pos­ses­so di un pass che dà loro la pos­si­bil­ità di fruire gra­tuita­mente del parcheg­gio nel­la zona «Monte ». «Il cen­tro stori­co di Desen­zano di per sè è già penal­iz­za­to — ril­e­va Pol­loni — per i pochi parcheg­gi esisten­ti e ora, con il rifaci­men­to del lun­go­la­go tra il ponte alla Veneziana e il Park hotel, ne saran­no sot­trat­ti anche degli altri. Quin­di, ho riv­olto al sin­da­co la richi­es­ta di intro­durre imme­di­ate esen­zioni, medi­ante rilas­cio di tessera o di bolli­ni iden­ti­fica­tivi, per i res­i­den­ti del nos­tro Comune per pot­er fruire del pos­to gra­tuita­mente ovvi­a­mente per i parcheg­gi che, di recente, sono sta­ti sogget­ti al paga­men­to del­la tar­if­fa oraria». E per i lavo­ra­tori di uffi­ci e locali? «Anche per loro — con­tin­ua il con­sigliere leghista — ho chiesto di intro­durre imme­di­ate sostanziali agevolazioni». Attual­mente i posteg­gi di Desen­zano sono gesti­ti da coop­er­a­tive. I prezzi var­i­ano da un park­ing all’al­tro. Per esem­pio, in quel­lo alle spalle di palaz­zo Bagat­ta viene appli­ca­ta la tar­if­fa di 500 lire per mez­z’o­ra, ma in quel­lo di piaz­za Cap­pel­let­ti è di 1000 lire. Poi, nei giorni del fine set­ti­mana, la quo­ta sale anche a 3000 lire all’o­ra. La Giun­ta Anel­li ha approva­to l’is­ti­tuzione dei nuovi parcheg­gi a paga­men­to il 29 dicem­bre scor­so. In effet­ti, la cit­tad­i­na garde­sana era una delle poche, se non l’u­ni­ca, a non pre­tendere nul­la dagli auto­mo­bilisti che las­ci­a­vano in sos­ta la pro­pria auto nel cen­tro stori­co e sul lun­go­la­go. A Sirmione, per esem­pio, non c’è più un solo faz­zo­let­to di stra­da che non sia inter­es­sato dal tick­et: l’in­tero lun­go­la­go e piaz­za­le Monte Bal­do, fino al piaz­za­le Por­to. Il get­ti­to delle entrate è notev­ole, sfio­ra tal­vol­ta anche i 3 mil­iar­di di lire all’an­no. Per Desen­zano il get­ti­to sarà infe­ri­ore per­chè il numero dei posti auto è ridot­to. Pur tut­tavia, l’asses­sore al Bilan­cio, Mario Mar­chioni, con­ta di ras­trel­lare almeno 1 mil­iar­do e 700 mil­ioni di lire. Con queste entrate si potrà rein­ve­stire in altri set­tori, come l’as­sis­ten­za sociale. Nel frat­tem­po, per pot­er dis­eg­nare meglio il futuro del­la cit­tad­i­na si attende sem­pre il varo del piano urbano del traf­fi­co, dal quale si capirà anche se e quan­ti nuovi parcheg­gi, soprat­tut­to nec­es­sari ai tur­isti, ver­ran­no progettati.

Parole chiave: